«CAMERE CON VISTA - Francesco Renga» la recensione di Rockol

Francesco Renga - CAMERE CON VISTA - la recensione

Recensione del 27 mag 2004 a cura di Giulio Nannini

La recensione

Torna Francesco Renga più baldanzoso che mai con un disco – il terzo come solista - nato nel corso di un anno decisamente significativo: una nuova compagna, la show girl Ambra Angiolini, e una figlia, Jolanda. Di materiale da cui trarre ispirazione per queste dodici nuove canzoni ce n'era a sufficienza; anche se l’album è stato pensato come ad un diario, per cui c’è dentro non soltanto la vita che Renga osserva. Come suggerisce il titolo infatti, “Camere con vista”, lo sguardo è introspettivo ma significa pure poter osservare le cose da punti di vista diversi: guardare ed essere guardati.
Sotto il profilo musicale è un album che fatica a trovare una dimensione precisa. L’anima pop emerge prepotente quando le canzoni prendono una virata rock - e viceversa – come succede in “Come piace a me” e “Non ti passa più”. La vena malinconica e cantautorale emerge fiera nel singolo “Ci sarai” – forse una delle canzoni meno immediate dell’album – “Immobile”, “Anna (aspettavo te)” e “Solo”, mentre Jolanda ha scatenato nel cantautore il timore della responsabilità paterna, fotografata nella canzone “Nel nome del padre”, una preghiera sulla paura e l’opportunità di essere genitore. Sempre sul tema della paternità è “La sorpresa (un raggio di sole)”, dialogo fra un padre e una figlia, in cui è il padre che chiede alla figlia di prendersi cura di lui. “Comete” si sviluppa invece come un teorema sulla fine delle relazioni: per Renga l’amore non finisce mai, cambia semplicemente posto, perché “solo nelle canzoni si muore per amore”. “Un’ora in più” potrebbe essere uscita da un disco del Renato Zero degli anni Settanta, mentre il momento migliore dell’album arriva con “Meravigliosa (la luna)”, canzone da musical, frizzante e travolgente. E’ invece l’ironia a dominare in “Fino a ieri”, una storiella con colpo di scena finale (“Commissario / Sono sotto shock / Io davvero non volevo ucciderla / Sono una vittima”), un paradosso in cui il rapporto tra vittima e carnefice viene invertito. C’è poi una ghost track, forse sottovalutata, dal titolo “Per sempre”, sul tema di un figlio che deve ancora nascere, scritta profeticamente da Renga prima della nascita di Jolanda ed apparsa già come ghost track di “Tracce”, ma qui riarrangiata come se fosse una jam session.
“Camere con vista” (un plauso alla copertina felliniana, che ricorda la fotografia di “Otto e mezzo”) si presenta in conclusione come un disco omogeneo nella scelta dei suoni (sempre calibrati, mai innovativi) e tradizionale nella strumentazione (chitarre, basso, batteria, qualche tastiera e Hammond, e l’utilizzo dell’Orchestra dell’Associazione Italiana Musicisti diretta da Umberto Iervolino). Ma su tutto svetta la voce di Renga: particolare, originale, comunicativa. “Camere con vista” è l’ulteriore tappa di un nuovo percorso, più introspettivo e cantautorale.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.