«THIS LEFT FEELS RIGHT - Bon Jovi» la recensione di Rockol

Bon Jovi - THIS LEFT FEELS RIGHT - la recensione

Recensione del 18 nov 2003 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

C’è poco da fare: Jon Bon Jovi o lo si ama, o lo si odia. O si adora la sua musica epica o lo si ritiene inutilmente pomposa. E questo “This left feels right” non fa che confermare il giudizio.
“This left feels right” è una via di mezzo tra un disco "Unplugged" e un “best”. Nasce da uno show acustico giapponese della scorso gennaio, che originariamente doveva essere registrato e pubblicato come "live". Ma la band, non soddisfatta, ha deciso di rifare tutto. Ha preso alcune canzoni “storiche” del proprio repertorio, le ha riarrangiate e reincise in studio partendo dalla loro “anima acustica”, come recita il sito di Bon Jovi. Il risultato è quello di mettere in evidenza questa “anima”, con pregi e difetti.
Questa anima, allora, è proprio quella “bongioviana”, anche se le chitarre elettriche sono (quasi) assenti. Ovvero, un occhio alla tradizione del rock a stelle e strisce, un occhio all’enfasi tipica dell'hard rock degli anni ’80. Che, tradotto nei risultati di questo disco, significa ascoltare canzoni come “Living on a prayer” con una nuova veste, sicuramente meno roboante di quella originale, ma per questo non meno epica. Una caratteristica che è, appunto, quella che fa amare e odiare Bon Jovi. I risultati migliori del disco, secondo chi scrive, sono quelli in cui Bon Jovi fa il rocker minimalista: “Keep the faith” sembra appena sussurrata, ma funziona pressoché alla perfezione, così come l’attacco per piano e voce di “It’s my life”. Poi però entrano gli archi, ed ecco l’epica che ritorna…
L’idea in sé è buona: evita lo stereotipo del “greatest hits” pubblicato sotto Natale per intascare qualche soldino o dell’inevitabile disco acustico/unplugged a cui tutti gli artisti rock prima o poi arrivano, nella loro carriera. Ma un’idea può essere gestita bene o male. Incidere un disco acustico, da un lato, leva alla musica dei Bon Jovi quell’aspetto un po’ caciarone ma divertente, dall’altro poteva avvicinare all’artista – da sempre “schifato” dal pubblico rock più intransigente – nuovi ascoltatori, magari scoprendo il lato più cantautorale della band. Quest’ultimo obiettivo può dirsi centrato solo in parte: “This left feels right” è ancora troppo “epico”, ma è sicuramente perfetto per i fan del gruppo.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.