«DOVE SEI TU - Cristina Donà» la recensione di Rockol

Cristina Donà - DOVE SEI TU - la recensione

Recensione del 08 apr 2003 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

La musica rock è coraggio e perseveranza. Coraggio nel battere strade sterrate, magari meno comode, ma che portano a luoghi meno visitati. Perseveranza nel tenere la dritta, nel continuare a camminare per la propria strada.
“Dove sei tu” è un album di coraggio e perseveranza, per l’appunto. Perseveranza perché esce a quattro anni di distanza dal suo predecessore “Nido”, e la cantautrice lombarda si è presa il tempo che ci è voluto, anche se era più lungo di quello che solitamente vorrebbe il music business. Ha avuto il coraggio di andare per la propria strada, magari rischiando di perdere il bandolo della matassa (come lei stessa ci ha confessato nell’intervista pubblicata la settimana scorsa), ma arrivando a pubblicare un disco che è un piccolo grande gioiello di cantautorato rock. La Donà ha avuto il coraggio di continuare a sperimentare soluzioni musicali personali, mai banali.
“Dove sei tu” è un album, se vogliamo, più diretto dei suoi predecessori “La tregua” e “Nido”. Nel senso che la Donà ha scelto di rifarsi più decisamente alla “forma canzone”, e in questo è stata decisamente aiutata dall’esperienza del prodotturo da Davey Ray Moor dei Cousteau (che ha preso il posto di Manuel Agnelli degli Afterhours, che aveva prodotti i due album precedenti). Da questo punto di vista, “Il mio giardino”, “Invisibile”, “The Truman Show” sono splendide canzoni rock, e basta. Ma non ha perso il gusto della ricerca sui suoni, come dimostra “Triathlon”, giocata sui percussioni elettroniche dure ed ossessive, adatte al tema della canzone (la disciplina dello sport come metafora della disciplina nella vita amorosa). O come dimostra la progressione irregolare (ma bellissima) di “Il mondo”.
Alla fine, il pregio maggiore di Cristina Donà è quello di fare una musica che non assomiglia ad altro se non a se stessa. “Dove sei tu” testimonia la maturità di un’artista unica nel panorama nazionale.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.