«IN THE POPPY FIELDS - CLOSE - Alarm» la recensione di Rockol

Alarm - IN THE POPPY FIELDS - CLOSE - la recensione

Recensione del 20 gen 2003 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

1991: è da questo anno che non esce più nulla di nuovo sotto la sigla “The Alarm”. Per una retrospettiva sul gruppo vi rimandiamo alla recensione del box "Alarm 2000", pubblicata nei giorni scorsi, e al dettagliato sito www.alarmitalia.com, dove è possibile acquistare anche i loro dischi.
“Close” è il primo di cinque volumi di materiale inedito: un progetto imponente come già il citato box, denominato “In the poppy fields”. “Poppy”, per la cronaca, è il papavero, da sempre simbolo del gruppo.
Non si tratta, peraltro di una semplice operazione di marketing, da cui gli Alarm sono lontani mille miglia: rispolverare questa sigla significa per Peters rispolverare un suono. E così è: “Close” si rifà al rock chitarristico, epico e grezzo, degli anni ’80 e di dischi come “Strenght”: grandi melodie, grandi schitarrate che si intersecano con piano e chitarre acustiche. In altre parole: gli Alarm non hanno inventato nulla di nuovo, ma questo genere Peters lo sa trattare bene. Canzoni come “Close” o “The rock and roll” potranno anche sembrare demodé e già sentite, ma questo fanno gli Alarm, con onestà assoluta, senza fronzoli, false modestie e ipocrise. Esattamente come quando Peters confessa, qua e là nelle parole di queste canzoni, contemporaneamente la nostalgia per il passato, la voglia di tornare alle origini (“Right back where I started from”, recita appunto il titolo di una canzone) e la voglia di andare avanti, perché “Il fuoco del rock ‘n’ roll brucia ancora in me”.
Insomma, a chi conosceva gli Alarm degli anni ’80 diciamo che “Close” recupera il miglior suono della band, quello di “Strenght” e “Eye of the hurricane”. Agli altri diciamo che questa band e questo disco meritano un ascolto. Ma solo se vi piace il genere e se non siete troppo snob o troppo puristi del suono. Altrimenti girate alla larga e tornate ad ascoltare l’ultima band di moda.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.