«VARIATIO 22 - Daniele Groff» la recensione di Rockol

Daniele Groff - VARIATIO 22 - la recensione

Recensione del 22 gen 1999

La recensione

"Variatio 22" viene presentato come "la via italiana al genere, che non prende le mosse dai superosannati Oasis, o da band di gran moda come Verve o Placebo, ma piuttosto da genialità più scontrose (e più stimolanti) come quelle dei Blur". Invece il debito del giovane artista trentino con Noel Gallagher è enorme: le sue canzoni – che in effetti sono un ottimo esperimento di pop rock "brit style" - prendono moltissimo dallo stile degli Oasis. Ma fare questa critica – e allo stesso tempo questo complimento - a Daniele Groff non sarebbe rendergli giustizia del tutto. Nel disco, le influenze sono moltissime: dai Beatles, ampiamente citati in "Lamerica", ai sapori classicheggianti e melodici del brano che dà il titolo al disco, fino alle ballate come "Un mondo da scoprire" o "Walking fly". Il suo virtuosismo arriva al punto di reinterpretare una vecchia canzone dei Blizzard, "Green in the park" cantando sulla base dei nastri 24 piste originali ritrovati nello studio proprio mentre Daniele registrava il suo album. Le sue capacità tecniche sono ottime e documentate dal blasone di musicista classico pienamente formato. Rimane da aggiungere solo che il disco è molto fresco e godibile, con momenti particolarmente felici (oltre ai due singoli "Daisy" e "Io sono Io", la fiabesca "Lamerica" e il rock pop supersonico di "Bob, Paul & Seneca"). L’ascolto è consigliato: agli appassionati di brit pop che apprezzano una sua elegante trascrizione in italiano; a chi vuole farsi accompagnare per 42 minuti da dei buoni brani pop con un robusto contributo di chitarre. Si sconsiglia invece l’ascolto a chi difende la musica italiana dalla omologazione con il modello anglosassone. Il talento di Mr. Groff è grande, ma forse ha bisogno di tempo per crescere e assumere un linguaggio più maturo e personale: lo aspettiamo alle prossime prove discografiche per capire se la sua cultura musicale (sicuramente grande), e la padronanza del mezzo gli permetteranno di diventare un autore moderno, al di fuori delle categorie e dei generi che finora ha saputo interpretare con intelligenza.

TRACKLIST

01. Daisy
08. Bob Paul e Seneca
09. Walking fly
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.