«SONGS FOR THE DEAF - Queens of the Stone Age» la recensione di Rockol

Queens of the Stone Age - SONGS FOR THE DEAF - la recensione

Recensione del 13 set 2002 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Ci sono gruppi che sono inevitabilmente destinati ad attirare attenzione di pubblico e critica. Prendete i Queens Of The Stone Age. Questo nuovo capitolo della band americana segue a due anni di distanza l’acclamato e pluripremiato “Rated R”. L’attesa era tale che i Queens sono stato da più parti presentati come i salvatori del rock.
Beh, in un periodo in cui il rock equivale al Nu-metal, in cui del grunge –che, ricordiamolo, agli inizi degli anni ’90 venne salutato come il ritorno all’autenticità e alla purezza- si è persa ogni traccia, pare abbastanza naturale, anzi un po’ scontato. Perché questo fanno, i QOTSA: rock grezzo e secco, diretto discendente della scena di Seattle, attorno alla quale i due leader Josh Homme e Nick Oliveri hanno abbondantemente gravitato.
Comunque, pensate a che fine hanno fatto i grandi nomi del grunge della decade scorsa: Nirvana, beh, lo sapete. Screaming Trees, sciolti; il cantante Mark Lanegan ora fa tutt’altro genere. Soundgarden, idem come sopra, con la differenza che Chris Cornell si è perso nei meandri di una collaborazione con i post-RATM. Alice in Chains, che Layne Staley riposi in pace. Solo i Mudhoney (freschi di pubblicazione di un disco) e Pearl Jam sono sopravissuti; ma questi ultimi, peraltro, avevano scelto altre strade subito dopo il successo di “Ten”.
Non fraintendeteci, non è che i QOTSA non siano bravi e non si meritino tutta quest’attenzione. Anzi: questo “Songs for the deaf” è un disco potente e diretto come non se ne sentivano da tempo. Ma il dubbio che sorge – al di là delle domande sul coro di lodi dei media, sul qual Rockol già si interrogò recensendo “Rated R”- è proprio questo: non è che negli ultimi tempi le nostre orecchie di ascoltatori si sono un po’ abituate ai suoni pseudo-rock e patinati dei nu-metallers? Non è che questo disco risalta soprattutto in contrasto con il desolante panorama sonoro degli ultimi tempi in questo ambito?
Dal canto loro, i QOTSA non fanno nulla per smentire la pista che porta a Seattle: dietro la batteria siede Dave Grohl (e - ragazzi! - si sente…). Anch Mark Lanegan viene accreditato come membro del gruppo: quando canta in “Hangin tree” sembra di risentire gli Streaming Trees. Ma i QOTSA mettono anche assieme un intreccio davvero poderoso tra riff micidiali e strutture ritmiche, come dimostrano brani come “Do it again” e “Songs for the dead”.
Insomma, “Songs for the deaf” è sicuramente l’opera più compiuta e completa della band. I QOTSA sono indubbiamente una delle migliori realtà del contemporaneo panorama rock –dove questo termine va inteso nella sua accezione più ortodossa. Ma il punto, nuovamente, è questo: che tristezza, questo panorama contemporaneo rock…

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.