«M!SSUNDAZTOOD - Pink» la recensione di Rockol

Pink - M!SSUNDAZTOOD - la recensione

Recensione del 16 mar 2002

La recensione

Se l’avete già vista nel video di “Get the party started” - come è probabile, visto che la canzone è prima in classifica praticamente ovunque – sarete già stati conquistati dal suo irresistibile personaggio, capace di mescolare in un unico cocktail pose sexy, bronci da fumetto, finta cattiveria da riot girl e sguardi da teenager ingenua e sognatrice. Pink è un attrice nata, e forse, al di là del contingente successo nella musica, è lì che dovrebbe andare a cercare il suo futuro. Perché poi, quando ascolti il disco, ti rendo conto che la ragazza non è che faccia proprio tanto, oltre che cantare e avere la faccia giusta al momento giusto. Ne deve avere, di santi in paradiso, la signorina Pink, se per il suo secondo album può permettersi di giocare un poker d’assi decisamente altisonante: alla produzione L.A. Reid, suo mentore e scopritore – ma la ragazza, in occasione del suo primo album, in cui appariva in copertina con l’algido look di una Annie Lennox dai capelli pinkeggianti, aveva schierato anche Darryl Simmons e Babyface -, alla scrittura delle canzoni Dallas Austin (che vanta nel suo curriculum altre sprovvedute come Madonna) e Linda Perry (già 4 Non Blondes, interprete problematica e adesso in grande recupero di lucidità), e all’ospitata addirittura il testosteronico cantante degli Aerosmith Steven Tyler, impegnato in una “Misery” che sembra estratta a forza dal suo repertorio. Come dire, Pink piace alla Los Angeles che piace, e in questo disco se ne approfitta, tanto da dare, dopo ripetuti ascolti, l’idea di averlo progettato bene, questo “Missundaztood”. Un po’ di cattiveria, qualche testo strappalacrime e qualche bell’invito al divertimento anticonformista, un po’ di sesso che non guasta mai e qualche doppio senso scurrile, il tutto condito da un progetto musicale che difficilmente potrà sbagliare, visto che copre praticamente tutte le modalità possibili di FM music all’americana, dalle più reazionarie alle più innovative (si fa per dire). Insomma, “Missundaztood” è un bel prodotto, con un unico limite: sa troppo di prodotto. E quindi alla lunga può stancare. Per il resto il tempo ci dirà se siamo di fronte alla nuova Cyndi Lauper o al solito fenomeno stagionale.

(Luca Bernini)

Tracklist
“Missundaztood”
“Don’t let me get me”
“Just like a pill”
“Get the party started”
“Respect” (featuring Scratch)
“18 wheeler”
“Family portrait”
“Misery” (featuring Steven Tyler)
“Dear diary”
“Eventually”
“Lonely girl” (featuring Linda Perry)
“Numb”
“Gone to California”
“My Vietnam”
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.