«IL PRINCIPE E ILPIRATA (COLONNA SONORA) - Edoardo Bennato» la recensione di Rockol

Edoardo Bennato - IL PRINCIPE E ILPIRATA (COLONNA SONORA) - la recensione

Recensione del 15 gen 2002 a cura di Luca Bernini

La recensione

L’esordio di Edoardo Bennato come autore di una colonna sonora arriva tardi, nella sua carriera, ma con tutti i crismi: l’artistachenonvuolediventaregrande incrocia la spada con il penultimo enfant prodige (l’ultimo è Muccino) del cinema italiano, Leonardo Pieraccioni, e del suo “Il principe e il pirata”. Per lui, e per il suo pard Massimo Ceccherini – talmente incontenibile che nel booklet del cd fa lui la figura del protagonista e Pieraccioni quella della spalla – Bennato scrive due bei temi strumentali di mestiere (“Il principe e il pirata” e “Gimondi”), una canzone portante che omaggia il mondo del cinema e i suoi grandi sogni (“Puramente casuale”, decisamente buona nella grinta e nell’arrangiamento), e altri brani d’atmosfera (“Every morning”, “Ma lumiere”), dà spazio a una canzone di Pieraccioni (“Aspettare”, cantata dal regista), a una cover di Harry Belafonte (“Coconut woman”) e per il resto si affida a qualche ripescaggio del suo passato. “E’ stata tua la colpa”, in versione completamente riarrangiata, era uno dei momenti più celebrati del suo album capolavoro “Burattino senza fili”, mentre “Angeli no” è uno dei brani più significativi del suo repertorio più recente. Ho lasciato per ultimo il vero gioiello di questa raccolta, “La fiera dei buoni sentimenti”, canzone già presente, e allora poco considerata, sull’album “Se son rose fioriranno” del 1993. Sembra davvero di tornare al Bennato migliore, quello di “In prigione in prigione”, “Dotti, medici e sapienti”, alla sua capacità geniale e inarrivata di fare poesia, critica sociale e satira al tempo stesso. Brano dylaniano nella struttura, “La fiera dei buoni sentimenti” è stato riscritto in parte nel testo, e adesso parla di Tangentopoli, di punkabbestia, centri sociali occupati, di terzo mondo e civiltà allo sbando. Una canzone perfetta, che da sola vale questa raccolta: per il resto, “Il principe e il pirata” dimostra chiaramente che il bagno di popolarità fatto da Bennato grazie agli spot TIM è servito a rimetterlo in sella e a farlo nuovamente sentire padrone in casa sua, come dimostra l’ottima fattura di “Puramente casuale”. Concetto indigesto da ammettersi, forse, ma innegabile: la pubblicità gli ha fatto bene.


Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.