«LA TESTA INDIPENDENTE - Tre Allegri Ragazzi Morti» la recensione di Rockol

Tre Allegri Ragazzi Morti - LA TESTA INDIPENDENTE - la recensione

Recensione del 03 ott 2001

La recensione

Forse l’ex-CSI Giorgio Canali - produttore di questo album - esagera nell’affermare che i Tre Allegri Ragazzi Morti sono l’unica vera garage band italiana, ma coglie in modo preciso lo spirito adolescenziale con cui il gruppo affronta il rock. D’altra parte, serve una giusta dose di ingenuità per cimentarsi nell’impresa di pigiare i propri pensieri in una manciata di minuti, possibilmente con un ritornello che si faccia ricordare. E il garage resta il luogo migliore per dedicarsi a questa attività, soprattutto per gli eterni adolescenti con una chitarra elettrica fra le mani. I Tre Allegri Ragazzi Morti mantengono queste caratteristiche da tempo, senza però aderire ai canoni di ciò che si definisce garage-rock: niente capelli a caschetto né cover dei Sonics, per intenderci. L’unico spunto in quella direzione è “Bugie dei morti”, che fa il verso a “Surfin’ bird” dei Trashmen (chi non conosce il celebre tormentone “Papa-oo-mow-mow” corra ai ripari immediatamente), ma l’ispirazione fondamentale viene in gran parte dalla new wave e dall’indie rock degli anni ‘80 e ‘90. Al di là degli inevitabili modelli inglesi e statunitensi, il gruppo rivendica il legame con il primo punk italiano, come prova la cover di “I’m in love with my computer” degli Andy Warhol Banana Technicolor: un ripescaggio corretto, visto che i Ragazzi sono di Pordenone, una delle città più attive a recepire il verbo dei Sex Pistols ai tempi della loro comparsa. E poi partecipa pure Miss Xox, un protagonista di quella stagione. Altre canzoni da segnalare sono “Ogni adolescenza” (quasi un manifesto), “Quasi adatti” e “Beat(o)”, gradevole omaggio a Kerouac nonostante sia appesantita da una lunga coda, forse evitabile. Ma è chiaro che registrarla deve essere stato divertente e nessuna garage-band avrebbe resistito alla tentazione di lasciarla sul disco. Rispetto agli album precedenti della band, la qualità dei suoni è migliorata e l’esperienza di Canali ha sicuramente avuto un peso in questo senso. In definitiva, un passo avanti per i Tre Allegri Ragazzi Morti che, senza troppe pretese o clamori, continuano a essere più divertenti di gran parte dei gruppi rock italiani anche dal punto di vista dell’immagine, visto che possono contare sulle invenzioni del leader Davide Toffolo, chitarrista e cantante ma anche fumettista ormai affermato.

(Paolo Giovanazzi)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.