«MI FAI STARE BENE - Biagio Antonacci» la recensione di Rockol

Biagio Antonacci - MI FAI STARE BENE - la recensione

Recensione del 02 giu 1998

La recensione

E’ già tutto nel suo nome, Biagio. Un nome umile, di gente abituata a lavorare sodo e a parlare poco. Verrebbe da dire che Antonacci lavora da anni alla sua carriera con la grinta e la costanza della gente di campagna, lontano dalle sembianze e le ‘fumose’ apparenze di chi vive in città. E il tutto senza l’arroganza di chi pensa di essere nato per fare la star, al contrario: Biagio è e rimane fondamentalmente un insicuro, e se nella sua carriera può aver fatto qualche errore è stato quello di tener troppo in conto il giudizio o il parere degli altri. "Mi fai stare bene" è un album sereno, che lo vede direzionare meglio quella spinta rock presente su "Il Mucchio" grazie ai servigi della sezione ritmica degli Extrema e regalare un album di canzoni alcune delle quali indiscutibilmente belle. Sì, perché la sicurezza di Antonacci è oggi più che mai nelle sue canzoni, in una scrittura che in questo album non fatica ad ammettere le parentele con amici vecchi (Carboni, Dalla, Concato, Vasco) e nuovi (Grignani: nascoste nei brani si percepiscono le sue progressioni, il suo modo di passare tra gli accordi), di giocare a citare ora i Beatles ora l’Equipe 84 mantenendo comunque una propria originalità e una credibilità di fondo invidiabili. Qui non sono solo le canzoni a fare l’artista, ma anche l’esatto contrario. E se "Non vendermi", "Quanto tempo e ancora", "Cosa fai ragazza", "Iris", "Cattiva che sei", "Il campione" sono i brani più riusciti dell’album - che frutterà ad Antonacci non pochi singoli di successo - le altre canzoni vengono comunque portate allo stesso livello dalla sua interpretazione. Il suo album migliore fino ad oggi, di sicuro il più maturo e consapevole, nonostante un po’ di retorica nel brano ‘Il prato delle anime".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.