«...PROXIMA ESTACION...ESPERANZA - Manu Chao» la recensione di Rockol

Manu Chao - ...PROXIMA ESTACION...ESPERANZA - la recensione

Recensione del 29 giu 2001

La recensione

Erano alte le aspettative per il secondo album da solista di Manu Chao e, secondo noi, non sono andate deluse. Certo forse il titolo più adatto sarebbe stato “Clandestino 2”, ma la somiglianza con il disco che gli ha permesso di vendere nella sola Francia più di un milione di copie, non ne toglie i pregi.
“Proxima estacion: esperanza” ha come protagonista la radio, Radio Bemba naturalmente, che in più canzoni fa da sottofondo e fa da regina nell’ultima traccia “Infinita tristezza”, quasi volesse diffondere il messaggio di Manu nei quattro angoli del mondo. E infatti quest’album ha come referente il mondo: i 17 brani sono cantati in cinque lingue, francese, inglese, spagnolo, portoghese, portuñol (un mix delle ultime due) e contano sulla collaborazione di musicisti provenienti da vari paesi, come nel caso del marocchino Mostafa El Hafer che canta con Manu in “Denia”. E proprio “Denia” è probabilmente la canzone più bella dell’album: una ballata che racconta il dramma dell’Algeria e riesce ad abbracciare l’ascoltatore con un manto di dolce malinconia tra i suoni e le grida delle donne algerine. Bellissima. I suoni e i ritmi si susseguono trasportandoci dall’America Latina all’Europa in un viaggio di note che passa dal reggae di “Merry Blues” e di “Mr Bobby” (questa canzone, per la cronaca, è dedicata a Bob Marley e riprende significativamente il sound di “Bongo Bong”) ai ritmi jazzati di “Trapped by love” a quelli latini di “Papito”, “La chinita” e “La marea”, dalla filastrocca di “Me gustas tu” alla dolce ballata “Mi vida”. Il resto è multietnico e multiculturale, come “Homens”, la versione portoghese di “Bingo Bong”, già dei Mano Negra e uno dei singoli di maggior successo estratti da “Clandestino”, sempre presente quasi fosse la carta d’identità che Manu esibisce per presentarsi (ammesso che Oscar Tramor, questo il suo vero nome, sia il tipo da tenere nel portafoglio un documento di riconoscimento e noi ne dubitiamo).
Un consiglio: non fermarsi al primo ascolto. Nonostante sembri di facile impatto “Proxima estacion: esperanza” più si ascolta più coinvolge e si fa apprezzare, al punto da far dimenticare la somiglianza con “Clandestino” e sembrare quasi più bello.

(Erika Ferrati)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.