«THE OPTIMIST - Turin Brakes» la recensione di Rockol

Turin Brakes - THE OPTIMIST - la recensione

Recensione del 21 mar 2001

La recensione

Ecco un altro gruppo fin dagli esordi associato al New Acoustic Movement di cui parlano tutti oltre manica, quel movimento che vede saldamente a capo un gruppo come i Coldplay. Qui però, anche se è chiara come nel gruppo che ci ha stregati con il bellissimo “Parachutes”, l’influenza di Jeff Buckley (ascoltare “The road” e “Mind over money” per capire), a differenza dei Coldplay più vicini a sonorità anni ‘80, scavalca nettamente il decennio degli U2 e degli Smiths (riferimenti più o meno chiari per Coldplay) e si getta a capofitto negli anni ‘70. Folk e country sono i suoni che più intrigano Turin Brakes. Sono suoni che, “cinematicamente” parlando (un tema caro ai due Turin Brakes, il cinema), potrebbero far pensare a remake immaginari e post moderni di film come “Un uomo da marciapiede” o “Il laureato”. Suoni che, in molti casi, vengono filtrati da quell’esperienza psichedelica e da quei frastuoni elettrici che hanno caratterizzato il percorso di Crosby, Stills, Nash & Young o di Neil Young da solo. Basta ascoltare “Save me”, “Emergency 72” (una “Southern man” dei nostri tempi) o “Slack” per rendersi conto di quanto Turin Brakes non avrebbero sfigurato all’interno di un disco storico come “4 way streets” dei suddetti CSN&Y. A differenza del mitico quartetto però Turin Brakes (e qui viene a galla la loro “inglesità”) virano spesso, soprattutto grazie alla voce nasale, verso quei territori pop che piacevano soprattutto a Graham Nash. E da questo incontro tra pop, country e folk, riveduti e corretti da una sensibilità moderna che fa pensare, a tratti, agli Air (non è un caso che abbiano firmato con la Source, l’etichetta che ha scoperto il gruppo francese), scaturiscono 12 bellissime canzoni, a volte elettroacustiche, altre volte rigorosamente “unplugged”, che si lasciano ascoltare e che farete fatica a togliere dal vostro lettore.


(Gian Paolo Giabini)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.