«BADLANDS - Artisti Vari» la recensione di Rockol

Artisti Vari - BADLANDS - la recensione

Recensione del 22 dic 2000

La recensione

L’idea del progetto è geniale: rendere omaggio a uno dei più grandi (e sottovalutati, almeno da parte del grande pubblico) dischi della storia del rock. Quel “Nebraska” che nella discografia di Springsteen fu uno sconvolgente e durissimo intermezzo tra “The river” e “Born in the U.S.A.”. La storia è nota: canzoni dure e disilluse, pensate come provini, che finirono per diventare un disco vero e svelare un nuovo lato del più grande songwriter americano degli ultimi 20 anni.
Quel disco ha influenzato le generazioni di songwriter a venire ed era così giusto rendergli omaggio. L’idea è grande, si diceva. Un po’ meno il risultato, fatto di alti e bassi, come in tutti i dischi tributo. Mancano, nella tracklist finale, alcuni nomi annunciati, che forse avrebbero cambiato il risultato: Patti Smith, Billy Bragg, i Counting Crows (tra i migliori eredi della scrittura springsteeniana). Ci sono comunque alcune grandi riletture, come la “Nebraska” di Chrissie Hynde, la “Atlantic City” di Hank Williams III, che parte come uno scoppiettante country e termina come una ballata. E ci sono nomi da annoverare tra i migliori ispiratori (Johnny Cash) ed eredi di quella tradizione (Ani di Franco, Ben Harper). Il disco, con una leggera forzatura, si conclude con tre brani scritti in quel periodo, che però non finirono su “Nebraska”: “I’m on fire” (nella rilettura di Cash), “Downbound train” (rifatta bene da Raul Malo, ma nella versione che poi finì su “Born in the U.S.A.”, non quella più dura del periodo, ascoltabile su alcuni bootleg) e “Wages of sin” (brano finito su “Tracks” e qui interpretato da Damine Jurado e Rose Thomas).
Insomma, i brani non si discutono, il progetto ha una grande intuizione ma qualche pecca nella realizzazione e alcune interpretazioni sono discutibili. Ma, fatte queste premesse, questo tributo rimane un disco decisamente interessante.


(Gianni Sibilla)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.