«THE MAGNIFICENT TREE - Hooverphonic» la recensione di Rockol

Hooverphonic - THE MAGNIFICENT TREE - la recensione

Recensione del 20 dic 2000

La recensione

La musica degli Hooverphonic è profondamente evocativa, tanto da essere assai ricercata da registi e sceneggiatori cinematografici per le colonne sonore dei loro film, così come per alcuni spot pubblicitari e per degli episodi di serie televisive. Anche in questo terzo lavoro del trio belga ogni brano porta con sé suggestioni intense. Qualcuno li ha considerati un gruppo trip-hop, ma la loro materia è troppo ampia per essere rinchiusa in una definizione di questo tipo. Ascoltare “The magnificent tree” significa rilassarsi con ballate pop morbide e dilatate che abbracciano generi diversi, dal soul di “Mad about you” alle inflessioni orientaleggianti dell’iniziale “Autoharp”, fino alle struggenti melodie di “Vinegar & salt” o alle sonorità autunnali della favolistica “Frosted flake wood”. A supportare la voce di Geike Arnaert, subentrata alla dimissionaria Liesje Sadonius, una gran varietà di strumenti (archi, trombe, theremin, cori di bambini), effetti sonori e sampler (qui sono stati utilizzati “Je me repose” a firma Sheller/Manset e “Guinevere” di David Crosby). I brani costituiscono un crogiuolo di suoni e atmosfere ispirati da visioni (le spiagge esotiche di “Waves” o la femme fatale “Jackie Kane”, scritta insieme a Cathy Dennis), quando non direttamente da canzoni di colleghi (la già citata “Guinevere” di Crosby Stills & Nash per “The magnificent tree”, che potrebbe anche essere un omaggio al trio americano se solo si aggiungesse una h nel titolo; il Bowie di “Laughing gnome” per “Frosted flake wood”), suoni di strumenti particolari (“L’odeur animale”, guidata dalla musicalità del theremin) o scene di film (“Out of sight” era stata composta e mai utilizzata per la colonna sonora dell’omonimo film di Steve Sodebergh). Insomma, tutto buono per catturare suoni e melodie da riproporre su ritmi rigorosamente morbidi, senza mai esagerare e senza creare scossoni o impennate improvvise. Dell’album è disponibile anche un’edizione limitata con allegato un secondo CD contenente una versione di “Visions”, il remix e il video di “Mad about you” e il poster relativo all’album.


(Diego Ancordi)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.