«ONE NIGHT ONLY - THE GREATEST HITS - Elton John» la recensione di Rockol

Elton John - ONE NIGHT ONLY - THE GREATEST HITS - la recensione

Recensione del 21 nov 2000

La recensione

Elton John torna sugli scaffali dei negozi di dischi con un album appena sfornato... dal palco. Il disco più veloce nella storia della musica, sempre per mettere i puntini sulle i, visto che le registrazioni dei due concerti, tenuti lo scorso ottobre, nello storico Madison Square Garden di New York hanno immediatamente trovato posto in questo album. Uno solo, dal vivo.
Viene da chiedersi: come è possibile far entrare due concerti in un unico disco? Ovviamente si fanno tagli, qua e là, sempre molto accurati. Perché Elton John si trova a suo agio sul palco, ma prova sempre un certo terrore per il pubblico, che si sforza di non deludere. Per questo, il CD che doveva essere doppio contiene solo le canzoni più testate e famose, che la gente sicuramente applaudirà e canticchierà. E mentre giapponesi, australiani, americani e inglesi si trovano inspiegabilmente beneficiati di due bonus track (“Daniel” e “The bitch is back”), a noi europei non resta che continuare a sperare nella rivoluzione delle leggi che governano il mercato discografico.
Comunque sia, la band che accompagna Elton è quella fidata dell’ultimo decennio, con l’immancabile presenza dello storico chitarrista Davey Johnstone, che lo segue dal 1972, e l’aggiunta di Nigel Olsson, batterista licenziato, ripreso, licenziato e via di seguito. Un totale di 9 elementi, 10 con Elton, che riescono a fare un bel po’ di rumore e, soprattutto, a guadagnarsi non pochi applausi. Il pubblico statunitense sembra gradire la presenza di personaggi giovani, belli e provenienti dal continente americano che duettano ogni tanto con lui, come la vocalist Anastacia, Mary J. Blige, Bryan Adams e la vecchia amica di Elton, Kiki Dee. Il “povero” Boyzone Ronan Keating passa invece inosservato, dato che gli yankee non sono molto abituati a guardare più in là della bandiera a stelle e strisce.
Quindici brani evergreen che alternano dolcezza e nostalgia (“Goodbye yellow brick road”, “Your song”, “Don’t let the sun go down on me”) a brani tesi tra schitarrate e batteria pungente (“Saturday night’s alright for fighting”, “I’m still standing”) dal repertorio trentennale di Sir Elton “Chubby” John, come sempre maestro camaleontico in scena.
Resta un solo dubbio: chi glielo dice che il pianoforte Steinway & Sons suonava molto meglio dello Yamaha?

(Valeria Rusconi)

TRACKLIST

03. Don't go breaking my heart (duetto con Kiki Dee)
09. Your song (duetto con Ronan Keating)
10. Sad songs (Say so much) (duetto con Bryan Adams)
12. Saturday night's alright for fighting (duetto con Anastacia)
15. I guess that's why they call it the blues (duetto con Mary J. Blige)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.