«STARDOM IS HERE - Hybrid Cildren» la recensione di Rockol

Hybrid Cildren - STARDOM IS HERE - la recensione

Recensione del 04 nov 2000

La recensione

"Fuel the fire like every day is the last": si presentano con questo ritornello gli Hybrid Children, chiarendo subito la loro incrollabile fede nella classica iconografia del rock'n'roll stradaiolo. Vita veloce ed eccessiva, chitarre a manetta, il culto di Lemmy e dei suoi Motorhead. La foto sul retro del cd conferma che gli Hybrid Children, oltre ad aderire col massimo entusiasmo a questo programma, si agghindano anche di conseguenza. Se poi a qualcuno dovesse sembrare un'incongruenza il fatto che vengano dalla Finlandia, sappia che i confini geografici nel rock'n'roll sono saltati ormai da tempo: contano lo stile e il suono. "Stardom is here" dà l'immagine di una band massiccia ed esperta, segno che gli anni trascorsi tra etichette indipendenti e locali underground finnici sono pur serviti a qualcosa. Gli Hybrid Children hanno pure il gusto per i ritornelli più o meno orecchiabili e qualche vago sentore di Guns'n'Roses qua e là, ma non ce la fanno proprio a essere ruffiani fino in fondo e restano degli zozzoni con il volume dell'amplificatore perennemente bloccato sul dieci (un complimento, sia chiaro). E proprio questo in qualche modo li frega, perché alla fine non risultano abbastanza cattivi per poter competere con gente tipo Nashville Pussy o Gluecifer, né abbastanza ripuliti per poter sperare di agganciare un pubblico che non sa nulla di Lemmy e dei raduni di biker. Insomma, lo stardom non sembra proprio a portata di mano (almeno al di fuori della Finlandia), nonostante la sicumera sbandierata dal titolo, ma l'album ha un appeal sufficiente per garantire un po' di concerti in fognosi locali dai palchi luridi. Probabilmente gli Hybrid Children non chiedono di meglio. Anzi, la loro idea di stardom dovrebbe coincidere esattamente con tutto questo.
(Paolo Giovanazzi)

TRACKLIST

01. Like every day is the last
02. No parade at the end of the drain
03. Down for evermore
04. Burn
05. Closing in
06. Eastside outsider
07. I'm a work of art
08. Wine soaked girl
09. Way out of line
10. Method to my madness
11. Crawl back to win
12. Urban white boy blues
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.