«BETTER PART OF ME - Jon Secada» la recensione di Rockol

Jon Secada - BETTER PART OF ME - la recensione

Recensione del 10 set 2000

La recensione

Strano destino quello di Jon Secada, esploso all’inizio degli anni Novanta con l’hit "Just another day", imponendosi all’attenzione generale come allora unico “esemplare” di artista latino di lingua inglese. Alle spalle, un passato di collaborazioni con la regina del sound latino targato Usa, Gloria Estefan, con cui ha cantato e scritto successi come “Coming out of the dark”, cosa che fa di lui a pieno titolo l’iniziatore di un filone che oggi vede il successo planetario di personaggi come Ricky Martin (nel cui fortunato “She’s all I ever had” c’è comunque il suo zampino) e di Enrique Iglesias, giusto per fare due nomi. Strano destino, perché nei tre anni di pausa che Secada si è preso tra il non certo indimenticabile “Secada” e questo suo ultimo “Better part of me”, il filone di cui lui era stato iniziatore è esploso, cosicché il suo nome ricompare oggi mescolato a quello dei tanti latini che rincorrono l’onda che va per la maggiore. Ma Secada è venuto prima dell’onda e, soprattutto, ha conosciuto una breve ma significativa stagione di successo non tanto perché latino ma perché autore capace di scrivere canzoni dalla melodia accattivante, qua e là latine, certo, ma principalmente pop, con una buona dose di r&b. “Better part of me”, scritto quasi interamente da Secada, lo vede al lavoro con Emilio Estefan (marito e produttore di Gloria), che ha prodotto l’album e a cui si devono le incursioni della tracklist in territori ritmici che riportano alla natia Cuba (come nel brano “Papi”, presente anche in versione “tropical mix”). Ma il latin sound è solo una delle tante componenti cui Secada attinge per confezionare canzoni semplici, che parlano in modo elementare di amore e passione, ma con melodie e ritornelli capaci di fare presa. Come in “You should be mine”, brano ricco di echi soul, in cui la voce di Secada, che accarezza e graffia con maestria, è una voce, più che latin, black. E questa è in fondo la fortuna di Secada, che se punta per il suo rilancio su un’immagine che ricorda quella di Enrique Iglesias – ma anche in fatto di immagine Secada è arrivato prima – e su brani come “Stop”, “Love’s about to change my mind” e la title track “Better part of me” (che non a caso aprono la tracklist), perfetti esempi di canzoni confezionate alla luce di quello che va forte di questi tempi (latin, dance), conserva un talento indiscutibile per comporre melodie semplici ma d’effetto, che non dicono nulla di nuovo ma almeno quello che hanno da dire lo dicono, nel loro genere, bene. “Break the walls” è un brano che non ci si stupirebbe di trovare nell’album di un George Michael, come “There’s no sunshine anymore” o “Speak to the wind”, lenti d’atmosfera da manuale. Il disco, oltre la copertura latina, rivela dunque melodie piacevoli anche se di sicuro non c’è nulla di imperdibile, fermo restando qua e là qualche tocco da maestro del genere cantore dello strazio d’amore.
(Laura Centemeri)

Tracklist
“Stop”
“Love's about to change my mind”
“Break the walls”
“Better part of me”
“There's no sunshine anymore”
“You should be mine”
“Papi”
“When you're gone”
“Speak to the wind”
“Lost inside of you”
“Asi”
“Papi (Tropical Mix)”
“Dentro de ti”
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.