«COMING FROM THE SKY - Heavenly» la recensione di Rockol

Heavenly - COMING FROM THE SKY - la recensione

Recensione del 29 ago 2000

La recensione

Ci vuole veramente poco per stuzzicare la fantasia dei “difensori” della fede, dei credenti del “vero” heavy metal. Basta tirare in ballo qualche nome mitico ed il gioco è fatto. Prendiamo gli Heavenly, esordiente band che si è imposta all’attenzione dell’etichetta Noise vincendo semplicemente un concorso per aspiranti gruppi su di un sito Internet. Frasi come “Suonano come gli Helloween di 'Keeper of the seven keys'”, oppure “Sembra che ci sia Michael Kiske alla voce” scatenerebbero la curiosità d’ogni metallaro che si rispetti. Tralasciando frasi e aggettivi “facili” e andando ad indagare meglio, le ragioni per dar credito agli Heavenly ci sarebbero veramente tutte. La produzione del disco è affidata a Piet Selick (Blind Guardian, Iron Savior) il quale compare anche come ospite alla chitarra in brani come “Number one”, “Our only chance” e “Until I die” La registrazione è stata effettuata nei celeberrimi Powerhouse Studios di Amburgo e, come se non bastasse, a battezzare questo disco è intervenuto anche Kai Hansen, guest vocal nella track “Time machine”. Con questa sorta di curriculum qualcosa di magico deve agitarsi veramente in “Coming from the sky”. Ed allora diciamolo pure francamente, l’intera scaletta del disco è un omaggio al sound Helloween più genuino, gli arrangiamenti melodici e i ritmi killer che tutti conosciamo a menadito sono oltremodo presenti. La voce del singer Ben Sotto potrebbe competere con quella di cantanti ben più famosi, come Dickinson e Kiske. Momenti di puro e glorioso metallo si raggiungono con le tracce “Carry your heart”, “Riding trough hell” e “Time machine”. Nessuna esitazione quindi. La miglior cura per chi avesse perso interesse nel power metal è certamente l’ascolto degli Heavenly, i degni eredi di Kiske&C.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.