«MARC RIBOT Y LOS CUBANOS POSTIZOS - Marc Ribot» la recensione di Rockol

Marc Ribot - MARC RIBOT Y LOS CUBANOS POSTIZOS - la recensione

Recensione del 23 dic 1998

La recensione

«Quando si è passati attraverso innumerevoli delusioni, che importanza ha una in più? Dopo aver conosciuto il tradimento nella vita non si dovrebbe piangere, bisogna rendersi conto che è tutta una menzogna, che non c’è niente di vero. Si deve vivere per i momenti felici, sapersela godere quando è il momento, perché alla fine di tutto la vita è solo un sogno». Sono parole di Arsenio Rodriguez, compositore cubano in auge tra gli anni Quaranta e Cinquanta, da molti considerato il padre del son e uno dei migliori suonatori di tres, la tipica chitarra a sei corde divise in tre paia. Sulle orme della sua musica (e delle sue parole) si è lanciato il chitarrista Marc Ribot (John Zorn, Tow Waits) con i suoi ‘cubani posticci’, per un progetto che vuole essere un tributo alla musica e alla storia di questo grande compositore piuttosto che un tentativo di fare del ‘purismo’ caraibico. Al contrario Ribot adopera la sua straordinaria musicalità per dare corpo alla musica piena di accenti di Rodriguez, ora nei brani veloci ed euforici, ora in quelli lenti e appassionati, e non disdegna persino di cantare in un paio di occasioni ("No me llores mas" e "Fiesta en el solar"). Anzi, fa di più, e in "Como se goza en el barrio" e "Fiesta en el solar" si propone con una chitarra a 12 corde, cercando a modo suo di ricreare le sonorità del tres. Accanto a lui, splendido gruppo per una splendida musica, i ‘cubani posticci’ Brand Jones (al basso, già con Jazz Passengers, Prime Time), E.J. Rodriguez (percussioni), gli organisti Anthony Coleman e John Medesky (quest’ultimo del trio Medeski, Martin & Wood), e il batterista Robert J. Rodriguez (Miami Sound Machine). Il risultato è un album straordinario, caldo e soffuso come la migliore musica cubana incrociata al jazz sa essere, ma anche straripante di ritmo e di colori nella migliore tradizione carabica. Lente ballad si alternano a brani che sembrano arrivare dalle vecchie sale da ballo degli anni ’50, resi ancora più energetici dall’utilizzo di una mini sezione fiati (come in "Choserito plena". Uno dei dischi più belli dell’anno, concentrato di quell’energia e sensibilità musicale che da sempre sono doti indiscutibili di Ribot.

Tracklist:
"Aurora en Pekìn"
"Aquì como allà"
"Como se goza en el barrio"
"Postizo"
"No me llores mas"
"Los teenagers bailan changui"
"Fiesta en el solar"
"La vida es un sueño"
"Esclavo triste"
"Choserito plena"

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.