«THE BOY NAMED IF - Elvis Costello» la recensione di Rockol

Il ritorno alle origini di Elvis Costello

45 anni dopo l'esordio, il cantautore rispolvera il suono dei primi album

Recensione del 20 gen 2022 a cura di Gianni Sibilla

Voto 8/10

La recensione

Country, pop, musica classica, r ’n’ b, jazz: è difficile trovare un genere che Costello non abbia frequentato. E sempre con effetti straordinari: i suoi due capolavori sono probabilmente “King of america” (quello che oggi chiamamo “Americana”, ma suonato da un inglese) e “Painted from memory”, il pop orchestrale nella sua collaborazione con Burt Bacharach.
Ma il suono delle origini è il rock chitarristico dei primi album, con attitutidine punk e new wave, quello degli Attractions, la sua band storica.

Da tempo si chiamano Imposters, i musicisti sono gli stessi, tranne il bassista Bruce Thomas con cui c’è stata una lite anni fa. È qua che è tornato Costello con il nuovo album: c’è soprattutto l’organo di Steve Nieve, compagno fedele di una vita,. Un disco dal suono secco e diretto, che arriva in un periodo ricco di uscite solide (gli ultimi due album "Look now" e "Hey clockface"), ma anche di ep, e persino di una rivisitazione di "This years model", album del '78, in spagnolo. .
45 anni dopo, Elvis Costello è ancora qua a spiegarci come si fa il rock, con il nuovo album “The boy named if”

 

Il nuovo album

La copertina è un disegno di Costello, che riporta alla mente quello di “Blood & chocolate”, album storico degli Attraction degli anni ’80 per cui si inventò un tour in cui sul palco c’era una ruota della fortuna con titoli delle canzoni: la si faceva girare e la band suonava quella che usciva.
Il suono è quello di una band che si diverte: per dire, la prima canzone lenta arriva alla sesta traccia, “Paint the red rose blue”, un titolo che riecheggia “Good year for the roses”, hit country sempre degli anni ’80.
Ma non si tratta di nostalgia, anzi: “The Boy Named If (And Other Children's Stories)” (questo il titolo completo) è un album vitale e potente sia nelle canzoni più tirate.

Costello non fa solo rock, fa proprio “Rock & Roll”: come ha dichiarato recentemente a Rolling Stone: “Non mi piace molto il rock e quando mi chiedono i miei dischi preferiti, non nomino mai quello chitarristici. Mi piace il rock & roll, invece Penso che se perdi la parte del ‘roll’, molto del divertimento se ne va”.
Se è vero che il rock è rinato negli tempi, un po’ delle giovani band dovrebbero andare a scuola da Elvis Costello per recuperare anche il roll, non solo il rock.

Quella volta al SNL

A proposito di origini del suono di Costello: in questi giorni si torna a parlare in Italia del Saturday Night Live: c’è una band nazionale che si esibirà in uno dei programmi più noti della TV americana.
Forse i Maneskin dovrebbero andare a lezione da Elvis Costello: nel 1977 fu protagonista di una delle più memorabili performance mai avvenute nel programma. Iniziò una canzone, il singolo che voleva la casa discografica. ;a dopo una strofa fermò tutto, dicendo “fare questa canzone qua non ha nessun senso”,  e attaccò un brano allora inedito, “Radio radio”, dedicato allo strapotere dei media e dei network, come quello che lo stava ospitando. La leggenda vuole che Lance Mercer, il curatore del programma, gli fece il dito medio per tutta la performance. In risposta, Costello e gli Attractions suonarono con una foga punk, dando una lezione di come si suona dal vivo in TV. Costello venne bandito dal programma per 12 anni (ma “Tanto io non volevo una carriera in TV”,) salvo poi venire reinvitato e diventare un simbolo: “Oggi mi citano ogni volta che un musicista fa qualcosa di strano in TV”, racconta.

TRACKLIST

01. Farewell, OK (02:54)
02. The Boy Named If (04:24)
03. Penelope Halfpenny (02:57)
04. The Difference (03:45)
05. What If I Can't Give You Anything But Love? (04:03)
06. Paint The Red Rose Blue (04:46)
07. Mistook Me For A Friend (04:13)
08. My Most Beautiful Mistake (04:47)
09. Magnificent Hurt (03:13)
10. The Man You Love To Hate (04:53)
11. The Death Of Magic Thinking (03:31)
12. Trick Out The Truth (04:53)
13. Mr. Crescent (03:39)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.