«BUONA FORTUNA - PARTE PRIMA - Modà» la recensione di Rockol

Con ‘Buona fortuna - Parte prima’ i Modà puntano su onestà e coerenza

Kekko Silvestre e soci tornano a due anni di distanza da “Testa o croce” con un nuovo disco, primo capitolo di un progetto più ampio, in cui rimangono fedeli al proprio mondo sonoro pur trattando di vari argomenti.

Recensione del 15 nov 2021 a cura di Redazione

La recensione

La quarantena è stato un periodo difficile per tutti, e non è nemmeno certo che sia soltanto acqua passata. Nonostante la negatività del lockdown, il periodo di isolamento ha offerto ai Modà l’occasione per andare a lavorare su del materiale in cantiere già da diverso tempo. Così, Kekko Silvestre e compagni sono riusciti a dare forma a un nuovo lavoro discografico, di cui il 12 novembre hanno condiviso con il pubblico la prima parte.

Il nuovo disco della band milanese si intitola “Buona fortuna - Parte prima”, il primo capitolo di un progetto più ampio che, prodotto da Friends & Partners/licenza esclusiva Believe Artist Services, include sei canzoni, frutto di un lavoro iniziato prima del lockdown.

Un augurio a ripartire

“Buona fortuna è stato estrapolato dal titolo di una canzone inclusa nel disco e ci sembrava il migliore in questo momento: un augurio che sia di buon auspicio a tutta l’Italia, a tutte le persone che hanno vissuto questo periodo e a tutto il mondo”, ha raccontato Francesco Silvestre a Rockol presentando il nuovo disco dei Modà. 

Anticipato dal brano “Comincia lo show”, l’album vede il gruppo toccare diverse tematiche, dall’amore paterno alla debolezza, fino a temi più delicati come l'Alzheimer.

Spinti dall’urgenza e dal desiderio di trattare nei testi delle sue canzoni vari argomenti, a livello musicale nel loro nuovo album i Modà esplorano ogni propria sfaccettatura riprendendo gli elementi che li hanno distinti durante tutta la carriera per restare coerenti con se stessi e il loro mondo. Così, nell’album si ritrovano canzoni più energiche accanto a ballad più raffinate. Il singolo apripista di “Buona fortuna - Parte prima” è il pezzo che più di altri racchiude l’idea di mandare un messaggio positivo agli ascoltatori e l’orizzonte sonoro verso cui si sono spinti Silvestre e soci, spaziando da contaminazioni elettroniche al pop-rock senza snaturare lo stile melodico e compositivo che contraddistingue da sempre il loro DNA.

Per “Buona fortuna - Parte prima” i Modà hanno giocato a colorare la loro musica con delle sfaccettature più marcate per enfatizzare i messaggi e le tematiche delle canzoni, ma perseguendo un’idea di onestà e coerenza con ciò che sono sempre stati e nuovi spunti.

Mentre in “Comincia lo show” è stata data una venatura più cupa ai synth per sottolineare l’umore del brano, “Non ti mancherà mai il mare” - per esempio - introduce l’utilizzo dell’ukulele per lasciare spazio al senso di positività e di estate della canzone dedicata alla figlia del cantante. “A chi non parla e basta ma sa anche ascoltare / Tieni con te sempre una conchiglia in tasca / E non ti mancherà mai il mare”, canta Kekko Silvestre in un passaggio della seconda traccia del disco. Pezzi come “Buona fortuna buona vita buona luna” e “22 metri quadri”, invece, si focalizzano maggiormente sugli elementi più distintivi della band: da una parte una canzone intima d’amore, dal gusto pop dove la chitarra è acustica e delicata, dall’altra un brano in cui emergono con forza il chitarrone più arrabbiato e riflessioni personali. “Forte così tanto da avere paura e timore di me / Fragile così tanto da farti ricredere e piangere”, recita il ritornello della quarta canzone della tracklist.

La conclusione dell’album è affidata alle due ballad di “Buona fortuna - Parte prima”, con cui fanno capolino la morbidezza e la delicatezza degli arrangiamenti. Sul finale del disco, si ammorbidiscono anche i pensieri, che però non perdono di intensità nelle tematiche. Da “Fottuto inverno”, in cui Kekko Silvestre si interroga sui ricordi e sulla rabbia per un amore finito, si passa a un argomento complesso come quello dell’Alzheimer raccontato in “Scusa se non lo ricordo più”. 

“Scusa se non lo ricordo più / Ma io ti credo quando dici che ti ho amata e mi ami pure tu”, canta Kekko Silvestre nell’ultima traccia del nuovo album dei Modà, un lavoro che non porta grandi novità all’interno della discografia della band ma che i fan sapranno apprezzare ancora di più quando sarà presentato dal vivo in giro per l’Italia in occasione del tour in partenza dal prossimo maggio.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.