Connessioni bloccate ai 'pirati' del Web: i provider irlandesi non ci stanno

Un gruppo di Internet service provider irlandesi, che include le filiali locali di BT, Google, O2, Verizon e Vodafone, si oppone pubblicamente al programma di dissuasione del file sharing pirata propugnato dall’industria discografica, dichiarandosi contrario ai progetti di legge che, come quello attualmente in discussione all’Assemblea Nazionale francese (vedi News), imporrebbero di sospendere l’accesso a Internet ai downloader illegali e recidivi dopo un primo avvertimento inviato per e-mail e un secondo richiamo formale recapitato attraverso la posta ordinaria. “La privacy delle comunicazioni è protetta dalle normative europee e irlandesi”, sostiene il gruppo (ISPAI, Irish Service Providers in Ireland) in una lettera aperta; “non ci si può aspettare che gli ISP le ignorino solo perché non rispondono agli interessi di altri soggetti privati”.
L’iniziativa ha preso forma dopo che la locale associazione dei discografici, IRMA, aveva convinto uno dei firmatari della lettera, la società di telecomunicazioni Aircom, a sottoscrivere un accordo extragiudiziale di applicazione del piano anti-file sharer articolato in tre tappe (il cosiddetto three-strikes plan). Dopo avere ottenuto il consenso di Aircom, l’associazione dei discografici aveva invitato gli altri ISP irlandesi a fare altrettanto, riservandosi in caso contrario di adire le vie legali.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.