Starsailor, 'All the plans': 'Torniamo al romanticismo'. E c’è anche Ron Wood

Starsailor, 'All the plans': 'Torniamo al romanticismo'. E c’è anche Ron Wood
Sembra ieri, ma sono passati quasi otto anni da “Love is here”, album malinconico e romantico con il quale gli Starsailor conquistarono le vette delle classifiche inglesi ed europee.
Oggi, con altri due buoni album alle spalle, il gruppo inglese si può definire “esperto”, pur avendo i membri del gruppo un’età attorno ai trent’anni: quasi tutti hanno moglie e figli, hanno vissuto sulla propria pelle la pressione del music-biz e ne sono usciti indenni.
“All the plans” è il titolo del loro nuovo album (da pochissimo disponibile anche in Italia), arrivato a tre anni di distanza dalle atmosfere rock di “On the outside”. Abbiamo raggiunto telefonicamente il bassista Stel per farci raccontare come è nato il nuovo lavoro del gruppo.
“Negli ultimi tre anni abbiamo trascorso dei momenti incredibili: accompagnato in tournée i Rolling Stones, aperto alcuni concerti della reunion dei Police, suonato in posti come il Sudafrica e l’America Latina. E poi ovviamente abbiamo registrato il nuovo disco”.
I dodici nuovi episodi di “All the plans” sono stati incisi con l’ausilio di Steve Osborne, già al fianco del gruppo sull’album d’esordio, un lavoro che ha influenzato molto il nuovo disco: “Nel precedente capitolo avevamo deciso di puntare maggiormente sul rock, avendo frequentato molto gli Stati Uniti in quel periodo e ascoltato un sacco di american rock. “All the plans” in effetti segna per noi un ritorno alle sonorità maggiormente delicate e romantiche di “Love is here” e lo si può evincere anche dai testi delle canzoni, molti dei quali parlano d’amore e, appunto, dei progetti che si fanno nella vita e non sempre si realizzano”. Lo stesso frontman del gruppo James Walsh ha affermato che alcuni dei nuovi brani parlano della consolidata vita sentimentale di molti di loro: “Si, in effetti è così. Io sono sposato e ho due figli e lo stesso James è sposato da ben sei anni e proprio lo scorso giugno ha visto la nascita del suo secondogenito. E’ inevitabile che parte della nostra vita di sempre entri nei nostri brani”.
“All the plans” non è solo questo, ma tratta anche temi politico-sociali come ad esempio in “Stars and stripes”: “Questa canzone è nata a San Francisco, dove ci è capitato di incontrare numerosi veterani del Vietnam agli angoli delle strade. Il brano condanna ovviamente la guerra, ma più che altro vuole mettere in luce quanto il conflitto sia pesante anche per chi sopravvive e spesso si trova messo in disparte ed abbandonato dalla stessa patria per la quale ha combattuto”.
Un ospite davvero prestigioso ha partecipato alla creazione della (quasi) title-track “All the plans we made”: Ron Wood dei Rolling Stones. “E’ stato incredibile lavorare con lui, anche se ci ha aiutato con la produzione e con la chitarra in una sola canzone. Abbiamo scattato una miriade di fotografie, ci sembrava impossibile che una leggenda del rock stesse lavorando con noi su un nostro pezzo”.
A proposito di “tutti i piani”, gli Starsailor stanno progettando un tour per promuovere la loro nuova creatura: “Nel mese di marzo partiremo con una serie di concerti in Gran Bretagna, per poi continuare anche nel resto del mondo. Al momento non abbiamo ancora definito date in Italia, ma spero vivamente di poter suonare nel vostro Paese”.
La piacevole chiacchierata con il bassista si chiude parlando di calcio come tra vecchi amici: Stel è un supporter del Manchester United, mentre ci racconta che James e Ben sono sfegatati tifosi del Liverpool e Barry del piccolo Wigan. Tra un concerto e l’altro il calcio è un buon modo per staccare la spina e alleviare la tensione. In vista del nuovo tour…
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.