Live Nation Entertainment: le (caute) reazioni dell'arcirivale AEG

Live Nation Entertainment: le (caute) reazioni dell'arcirivale AEG
La AEG di Phil Anschutz, principale concorrente di Live Nation sul fronte della musica dal vivo negli Stati Uniti, avrebbe minacciato di rescindere il suo contratto d’esclusiva con Ticketmaster (relativo alla gestione della vendita di biglietti di concerti) se la progettata fusione tra le due società nordamericane andrà in porto (vedi News). Lo ha rivelato la settimana scorsa Irving Azoff, amministratore delegato di Ticketmaster, davanti alla Commissione antitrust del Congresso che lo aveva convocato per un’udienza. Non esisterebbe dunque, a suo dire, un pericolo di monopolio legato alla nascita di Live Nation Entertainment, che anzi potrebbe innescare la nascita di altre alleanze imprenditoriali. “Se questa non è concorrenza, non so cosa sia”, ha chiosato Azoff davanti ai congressisti americani.
AEG, proprietaria di 130 impianti (tra cui lo Staples Center di Los Angeles) che alimentano le casse di Ticketmaster con poco meno del 10 % dei suoi introiti annui, ha però parzialmente smentito le sue dichiarazioni: l’amministratore delegato della divisione Live Randy Phillips ha prontamente precisato che la lettera di diffida indirizzata a Ticketmaster aveva il solo obiettivo di tutelare i diritti della società, e ha ribattuto anche alle dichiarazioni di Michael Rapino, ad di Live Nation, secondo il quale AEG potrebbe facilmente sciogliere il contratto d’esclusiva con l’agenzia di ticketing (valido fino a metà 2012) ricorrendo ad esempio ai servizi del concorrente tedesco CTS Eventim, leader di mercato in Europa. “A Live Nation ci sono voluti due anni per essere pronta a vendersi da sola i suoi biglietti, e si tratta di spendere una cifra compresa tra i 30 e i 50 milioni di dollari”, ha ricordato Phillips. “Noi siamo una società molto grande, ma vi assicuro che non è una cosa che si possa fare in tre settimane”.
Qualche commentatore americano fa tuttavia notare che AEG, focalizzata principalmente sullo sviluppo delle sue proprietà immobiliari, potrebbe anche beneficiare dalla nascita di Live Nation Entertainment: per soddisfare le richieste dell’Antitrust, infatti, è probabile che LNE debba rinunciare a una parte degli impianti e sale da concerto che possiede, rendendole disponibili sul mercato.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.