NEWS   |   Press Kit / 24/02/2009

Comunicato Stampa: i Solisti di Pavia in concerto a Siena il 27 febbraio

Comunicato Stampa: i Solisti di Pavia in concerto a Siena il 27 febbraio
La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

Venerdì 27 febbraio alle ore 21 al Teatro dei Rozzi (Piazza Indipendenza, Siena) protagonista la musica da camera

I Solisti di Pavia a Siena per l’86esima Micat in Vertice

L’ensemble, che si esibirà con Enrico Dindo violoncello solista e direttore, proporrà brani di Haydn e Čajkovskij

Musica da camera sul palco del Teatro dei Rozzi (Piazza Indipendenza, Siena) per l’86esima Micat in Vertice, la stagione concertistica invernale dell’Accademia Musicale Chigiana. Venerdì 27 febbraio alle 21 saranno protagonisti I Solisti di Pavia con Enrico Dindo violoncello solista e direttore. Il programma della serata prevede l’esecuzione del Concerto n. 2 in re magg. Hob. VIIb:2 per violoncello e orchestra e del Concerto n. 1 in do magg. Hob. VIIb:1 di Franz Joseph Haydn e della Serenata in do magg. op. 48 per orchestra d’archi di Pëtr Il’ič Čajkovskij.

I Solisti di Pavia sono nati nel dicembre del 2001 dalla passione di Enrico Dindo e dall'impegno dell'Associazione "I Quattro Cavalieri", costituita insieme a Dindo da Fondazione Banca del Monte di Lombardia, Comune di Pavia e Istituzione Teatro Gaetano Fraschini e presieduta da Salvatore Veca. L’ensemble, fondata con il patrocinio morale e artistico di Mstislav Rostropovich, che ne è stato Presidente Onorario, è residente presso il teatro Fraschini di Pavia, dove nel corso della prima stagione ha eseguito quattro concerti. Nel giugno 2001 la prima tournée internazionale con concerti a Mosca, San Pietroburgo e Vilnius (città gemellata con Pavia), cui sono seguiti nelle stagioni successive due importanti appuntamenti: il concerto ufficiale per la Festa dell'Indipendenza a Beirut e quello al Teatro Nazionale di Algeri in occasione della chiusura del Semestre di Presidenza Italiana dell’Unione Europea.

Nella stagione 2002/2003 I Solisti hanno iniziato un’intensa attività in Italia partecipando a numerosi Festival e Rassegne tra le quali il Festival Settimane Musicali di Stresa, l’inaugurazione della Stagione dell’Associazione Vincenzo Bellini e dell’Associazione Filarmonica di Messina, la Stagione Tempo d’Orchestra organizzata dall’Orchestra da Camera di Mantova, la Stagione da Camera dell’Unione Musicale di Alba, la Stagione Concertistica della Regione Friuli Venezia Giulia, il Teatro Mercadante di Napoli e la Fondazione I Pomeriggi Musicali di Milano.

Anima del gruppo è il violoncellista torinese Enrico Dindo, classe 1965, figlio d’arte, che dell’ensemble cameristico è direttore musicale e direttore artistico. Dindo ha iniziato a sei anni lo studio del violoncello diplomandosi presso il Conservatorio "G. Verdi" della città natale. Nel 1987, a soli 22 anni, è stato scelto da Riccardo Muti per ricoprire il ruolo di primo violoncello solista nell’Orchestra del Teatro alla Scala, dove resterà per undici anni, fino al 1998.

Con la conquista nel 1997 del Primo Premio della VI edizione del Concorso "Rostropovich" di Parigi - primo italiano -, Enrico Dindo ha ricevuto il definitivo riconoscimento internazionale di un talento precoce quanto eccezionale. Il grande maestro russo ha scritto di lui: "... è un violoncellista di straordinarie qualità, artista compiuto e musicista formato e possiede un suono eccezionale che fluisce come una splendida voce italiana".

Da quel momento Dindo ha iniziato un’attività da solista che lo ha portato a esibirsi in tutto il mondo con orchestre prestigiose e al fianco di importanti direttori come Riccardo Chailly, Aldo Ceccato, Gianandrea Noseda, Myung-Whun Chung, Paavo Jarvj, Valery Gergiev, Riccardo Muti e lo stesso Mstislav Rostropovich.

I biglietti per assistere al concerto (interi 20, 15 o 10 euro, ridotti 6 euro) saranno in vendita giovedì 26 febbraio dalle ore 16 alle ore 18.30 a Palazzo Chigi Saracini (via di Città 89, Siena) e venerdì 27 febbraio a partire dalle ore 16 al Teatro dei Rozzi (Piazza Indipendenza, Siena).

Per informazioni tel. 0577 22091, www.chigiana.it.