Stati Uniti, in 9 anni il mercato ha perso mezzo miliardo di copie vendute

Paul Resnikoff di Digital Music News prende spunto dalla recente pubblicazione dei dati di consuntivo 2008 da parte della associazione RIAA e di Nielsen SoundScan per riflettere sul crollo dell’industria discografica americana (e mondiale). Nel 2000, ricorda il giornalista, le case discografiche statunitensi vendevano complessivamente oltre 943 milioni di pezzi. Ma già un anno dopo, sotto i colpi di Napster e dei suoi epigoni, l’acquisto di cd calava a 803 milioni di unità. A fine 2008 la situazione appare molto più drammatica e compromessa: le vendite di album, in formato fisico e digitale, si sono ridotte a 428,4 milioni di pezzi. Conclusione: in nove anni appena il mercato discografico americano ha subito una flessione del 54,6 % perdendo per strada oltre mezzo miliardo di pezzi venduti (514,6 milioni per la precisione).
    Paul Resnikoff di Digital Music News prende spunto dalla recente pubblicazione dei dati di consuntivo 2008 da parte della associazione RIAA e di Nielsen SoundScan per riflettere sul crollo dell’industria discografica americana (e mondiale). Nel 2000, ricorda il giornalista, le case discografiche statunitensi vendevano complessivamente oltre 943 milioni di pezzi. Ma già un anno dopo, sotto i colpi di Napster e dei suoi epigoni, l’acquisto di cd calava a 803 milioni di unità. A fine 2008 la situazione appare molto più drammatica e compromessa: le vendite di album, in formato fisico e digitale, si sono ridotte a 428,4 milioni di pezzi. Conclusione: in nove anni appena il mercato discografico americano ha subito una flessione del 54,6 % perdendo per strada oltre mezzo miliardo di pezzi venduti (514,6 milioni per la precisione).

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.