AFI, Leopoldo Lombardi è il nuovo presidente

AFI, Leopoldo Lombardi è il nuovo presidente
Leopoldo Lombardi, livornese, 49 anni, avvocato esperto in diritto d’autore e general manager dell’etichetta Rossodisera, è il nuovo presidente dell’AFI – Associazione Discografici Italiani per il quadriennio 2009-20013. Succede a Luigi Barion, membro del nuovo comitato direttivo accanto a Franco Bixio, Enrico De Gemini, Franco Donato, Piero La Falce, Domenico Latino, Francesco Monteleone, Giorgio Perris, Dino Piretti, Athos Poma, Alberto Salini (vicepresidente) e Michele Schembri; Silvio Ceci assume le mansioni di revisore contabile mentre del Collegio dei Probiviri fa parte Franco De Gemini.
L’AFI, che l’anno scorso ha compiuto sessant’anni di età (vedi News), associa circa 200 aziende discografiche italiane. E’ anche partner dell’organizzazione internazionale EMCA – European Music Copyright Alliance – dove rappresenta l’industria musicale italiana insieme a IMAIE (Istituto per la tutela dei diritti degli Artisti, Interpreti ed Esecutori) e SIAE (Società Italiana Autori ed Editori).
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.