Roma, contro la pirateria multimediale nasce un comitato governativo

Il governo italiano ha istituito un comitato tecnico per contrastare i fenomeni della contraffazione e della pirateria digitale, che ogni anno sottraggono all’industria nazionale e alle casse dello stato 5 miliardi di euro (due per violazione dei diritti d’autore), mantenendo il nostro paese nella “watch list” delle nazioni che, secondo l’amministrazione statunitense, non garantiscono adeguata tutela contro la pirateria multimediale.
Il nuovo organismo, voluto dal ministro per i Beni Culturali Sandro Bondi e insediato presso la presidenza del Consiglio dei Ministri, sarà coordinato dal segretario alla presidenza del Consiglio Mauro Masi, già commissario straordinario della SIAE; ne faranno parte anche due rappresentanti dello stesso Bondi, due esponenti della presidenza del Consiglio, due esperti del settore e il presidente della SIAE, oltre ai capi di Gabinetto dei Ministeri di Cultura (in veste di vice coordinatore), Interno, Esteri, Sviluppo economico, Giustizia, Politiche europee e Gioventù.
Masi e il suo staff incontreranno nei prossimi mesi tutti i principali operatori Internet e dell’industria dei contenuti, allo scopo di raccogliere informazioni e proposte utili a delineare una strategia efficace di lotta alla pirateria attraverso strumenti legislativi e codici di autoregolamentazione.
Il decreto ministeriale che prevede l’istituzione del comitato precisa che nessuno dei suoi membri percepirà compensi, avendo solo diritto al rimborso di eventuali spese di trasferta. “Non abbiamo alcun intento repressivo nei confronti del fenomeno Internet”, ha dichiarato Masi, “ma il dibattito sulla proprietà intellettuale è aperto in tutti i Paesi occidentali”. “Scopo del lavoro del comitato”, ha aggiunto, “è di trovare un punto di equilibrio fra libertà individuali, interesse pubblico, diritti d’autore e sviluppo economico del Paese”.
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Massimo Bonelli (iCompany, Concerto del Primo Maggio)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.