Bloccato dalla crisi finanziaria il primo hotel di Jay-Z

Bloccato dalla crisi finanziaria il primo hotel di Jay-Z
Jay-Z dovrà attendere ancora per diventare il “Donald Trump del rap”. L’artista avrebbe dovuto avviare i lavori per il suo primo hotel a New York, ma la crisi finanziaria lo ha bloccato. Il rapper aveva in mente la posa del primo mattone già quest’anno per i suoi “J Hotels”, ma le difficoltà del mercato immobiliare hanno spinto gli investitori ad attendere tempi migliori. L’hotel di lusso sarebbe sorto nell’area di Manhattan nota come "High line", quartiere del westside ancora in fase di sviluppo, dove il progetto di Jay-Z sarebbe stato il primo a cinque stelle in quell’area. Dopo aver comprato la location per 66 milioni di dollari (originariamente un magazzino della Time Warner Cable), l’imprenditore Charles Blaichman e i soci Jay-Z e Scott Shnay hanno sviluppato il marchio "J Hotels". Tuttavia, la grave situazione economica del settore immobiliare non può supportare l’erogazione di 370 milioni di dollari per portare a termine l’ambizioso progetto. Gli esperti del settore prevedono che dovranno passare almeno un paio d'anni prima che sullo skyline di Manhattan compaia qualche nuovo edificio.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.