La musica fa bene al cervello

Non è una novità: ma adesso è confermato da uno studio condotto dal Beth Israel Music Center di Boston, secondo il quale «le dimensioni della materia grigia, in particolare del cervelletto, sono maggiori nei musicisti e nelle persone allenate sin da giovanissime alla comprensione ed allo studio della musica».
Secondo questa ricerca, svolta confrontando l’apparato cerebrale di persone della stessa età e capacità neurologiche - alcune allenate agli esercizi musicali, altre no - il cervelletto degli “artisti” ha un volume maggiore del 5% rispetto a quello degli appartenenti al “gruppo di controllo”. «E' un dato sorprendente» - ha rilevato Gottfried Schlayg, ideatore dell'indagine - «che dimostra come la struttura si adatta e forma intorno ad una pratica musicale iniziata precocemente».
Music Biz Cafe Summer: piattaforme Web e diritti
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.