Londra, rischiano di chiudere gli studi storici di Stones, Zeppelin e Hendrix

Londra, rischiano di chiudere gli studi storici di Stones, Zeppelin e Hendrix
L’Inghilterra rischia di dire addio a un altro pezzo di storia del rock: da qualche tempo la gestione degli Olympic Studios di Londra non risulta più redditizia e il proprietario della struttura, la casa discografica EMI, ha avvisato lo staff (11 persone) che presto il complesso potrebbe chiudere i battenti. Sarebbe il triste epilogo di una storia fantastica, perché quelli sono gli studi in cui i Rolling Stones incisero tutti i loro album tra il 1966 e il 1972 (compresi “Beggars banquet”, “Let it bleed”, “Sticky fingers” ed “Exile on main street”), Jimi Hendrix registrò l’lp di debutto “Are you experienced?” e i Led Zeppelin confezionarono il primo album (facendovi ritorno a sprazzi anche per i dischi successivi, fino a “Physical graffiti” del 1975); i Beatles, dal canto loro, vi registrarono “All you need is love” nel 1967. La lista degli artisti che vi hanno lavorato è ovviamente lunghissima e include anche Eric Clapton e i Queen, Roger Waters e gli Oasis, le Spice Girls e gli Arctic Monkeys.
Dal 1966 gli studi sono localizzati a Barnes, sobborgo della zona sudoccidentale di Londra, in un edificio costruito nel 1906 e impiegato in origine come sala per spettacoli di music hall. Nel 1987 vennero acquistati da Richard Branson, allora padrone della Virgin: con l’acquisto di quest’ultima da parte della EMI (nel 1992), la proprietà passò alla major discografica. La stessa EMI ha assicurato che i suoi propositi di chiusura non riguardano gli altri studi di registrazione in suo possesso, i celeberrimi Abbey Road, per i quali i suoi portavoce hanno anzi assicurato “programmi di sviluppo a lungo termine”.
Dall'archivio di Rockol - Jimi Hendrix e la sintassi della musica
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.