Stati Uniti, più download che cd nel fatturato della Atlantic

Stati Uniti, più download che cd nel fatturato della Atlantic
La Atlantic Records, affiliata al gruppo Warner che ha in catalogo classici di Ray Charles, Aretha Franklin e Led Zeppelin, best seller del momento come Kid Rock e band di culto come i Death Cab For Cutie, è la prima etichetta major a incassare più denaro dai download digitali e dalle suonerie per cellulari che dalla vendita dei cd, 51 % del fatturato contro il 49 %. E' accaduto quest'anno negli Stati Uniti, dove i prodotti musicali digitali assorbono in media, Warner Music compresa, non più di un terzo del volume d'affari della discografia, mentre gli analisti di Forrester Research si attendono un sorpasso ai danni del prodotto fisico non prima del 2011.
"Probabilmente abbiamo trovato il bandolo della matassa", ha spiegato Julie Greenwald, presidente della Atlantic Records, al giornalista Tim Arango del New York Times. "Prima bastava congiungere cinque puntini per vendere un milione di dischi, ora quei puntini sono diventati venti". "Oggi devi essere come Leonard Bernstein", ha aggiunto l'ad dell'etichetta Craig Kallman. "Assicurarti che tutti suonino la nota giusta al millesimo di secondo".
Le rivelazioni della Atlantic hanno colto di sorpresa gli stessi esperti di mercato. Anche per la prestigiosa etichetta fondata da Ahmet Ertegun, tuttavia, download a pagamento, servizi di streaming in abbonamento, suonerie, ringback tones e royalty incassate dalle Web radio non sono ancora sufficienti a compensare il calo dei consumi di cd. E, come dice Arango citando una azzeccata osservazione di Jeff Zucker, amministratore delegato del network televisivo NBC Universal, si tratta ancora di "barattare dollari analogici con spiccioli digitali".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.