NEWS   |   Italia / 19/11/2008

Premio Videoclip Italiano 2008: il resoconto della giornata finale

Premio Videoclip Italiano 2008: il resoconto della giornata finale
Si è aperta oggi, presso la Mostra “Rock’N’Music Planet” in piazza Duomo a Milano, la terza ed ultima giornata dedicata al Premio Videoclip Italiano. La manifestazione, giunta quest'anno alla sua decima edizione, ha visto i dARI ritirare la targa speciale FIMI MSN Video – Rivelazione dell’anno durante un incontro a cura del direttore di Rockol Franco Zanetti. Dopo aver ritirato la targa e scattato alcune foto d’obbligo, la giovane band di Aosta si è intrattenuta per un incontro con in fan.
Poche ore dopo, all’interno dell'aula magna dell’Università IULM di Milano, Chiara Tortorella e Federico Russo hanno condotto la cerimonia di premiazione del Premio Videoclip Italiano nella sezione “mainstream” e “indipendenti”.
Il primo riconoscimento nell'area dedicata ai video realizzati a basso budget è andato a “Pazza” di Tying Tiffany per il miglior soggetto: il premio è stato consegnato al regista Marco Marchesi.
Poi è stato il turno degli Elio e Le Storie Tese a cui è andato il riconoscimento per il “miglior video di un gruppo musicale”: la band è salita sul palco, accompagnata dal regista Marcello Macchia (alias Maccio Capatonda) dall'inseparabile Mangoni e dall'attore Rupert Sciamenna.
“Il nostro video è costato poco più di 7000 euro” ha ironizzato Faso riferendosi al limite di budget previsto dal regolamento della sezione “Indipendenti”. “Mangoni si regge sulle stampelle perché ha recitato con tanta passione nel video che gli si è rotto un osso”. Il bassista ha voluto dedicare la vittoria al Bosco di Gioia a Milano recentemente raso al suolo: “Al suo posto sta crescendo una grande c**ata, andate a vederla”.
La cerimonia di premiazione è continuata con il premio per il “Miglior montaggio” di “Figlio di puttana” dei Zenz Circus con Brian Ritchie (Violent Femmes). Il premio è stato ritirato dal regista Stefano Poletti e da Stefano Moretto che si è occupato della postproduzione.
A seguire la consegna del premio del miglior video di un artista maschile consegnato a Riccardo Struchil regista di “Eroe” di Caparezza e già vincitore in passato del Premio Videoclip Italiano. Il rapper di Barletta ha però voluto partecipare alla serata con un messaggio video: “Sono contento di questo premio perché mi sta a cuore l'argomento e perché è il risultato della collaborazione con Riccardo con cui ho già lavorato molto”.
“Portuale” di Gregor Ferretti, corto dedicato alle morti sul lavoro, è stato premiato con il riconoscimento per la Miglior Fotografia: il cantante e regista ha voluto dedicare il premio all'amico morto sul lavoro nella speranza che vengano migliorate le condizioni di sicurezza degli operai.
Come avvenuto nel pomeriggio il direttore di Rockol, Franco Zanetti, e Riccardo Terzi di Msn hanno consegnato ai dARI il “Premio speciale” per “Wale (tanto Wale)”. “E' un primo anno fortunatissimo, speriamo di continuare così e di acquistare maggiore credibilità giorno dopo giorno”, ha spiegato il leader della band. “Un anno in più” dei Perturbazione ha ricevuto il riconoscimento per la miglior regia ritirato dai due registi Tommaso Cerasuolo (cantante della band piemontese) e la compagna Giovanna Russiello con la figlia Emma che hanno raccontato di aver realizzato il video in un solo week end.
Il premio per il miglior video di un'artista emergente è andato a “Non ti scordar mai di me” di Giusy Ferreri con la regia di Cosimo Alemà. La star di X-Factor ha ricevuto il riconoscimento da Daniel Salvaggio della Fimi: “Rappresenta una realtà della musica italiana che sta crescendo”.
Poi è stato il tour di un'altra donna, L'Aura, premiata per il miglior video di un'artista femminile con “Basta”. La cantante ha voluto ringraziare il regista Marco Salom: “E' il produttore di tutti miei video, il regista di molti e, sopratutto un amico”. “L'aura ha un talento straordinario e per me è un onore essere premiato per un nostro lavoro” ha commentato Salom.
Prima dell'ultima premiazione il direttore artistico del Premio Videoclip Italiano ha voluto ringraziare partner e amici che hanno collaborato alla decima edizione.
Il premio per il “Miglior video musicale di un'artista indipendente” è andato a “Cinestetica” dei Marta sui Tubi diretto da Stefano Bertelli. “Questo è un video che avrebbe vinto anche senza di noi, anzi il fatto che noi non appariamo ha contribuito alla vittoria”, ha spiegato Carmelo Pipitone. “Stefano ci aveva mostrato un suo progetto e dopo la nostra approvazione l'ha solo adottato alla canzone. Il video è costato solo 1500 euro, viva il low-budget!”