Francia, associazione dei discografici fa causa a Limewire e Morpheus

Francia, associazione dei discografici fa causa a Limewire e Morpheus
Un’associazione di discografici francesi, SPPF (Société civile des Producteurs de Phonogrammes en France) ha fatto causa a quattro società americane accusandole di promuovere il file sharing illegale di musica in rete. L’azione legale ha per bersaglio Limewire, Morpheus, Vuze e SourceForge (il servizio di hosting gratuito per sviluppatori open source che ospita il client p2p Shareaza) e, secondo quanto riporta il quotidiano Libération, risale alla fine del 2007: solo ora, però, coinvolgendo società straniere, il procedimento è stato autorizzato dal Tribunal de Grande Instance parigino.
La denuncia della SPPF si basa su una norma contenuta nella legge francese sul diritto d’autore, che proibisce di rendere disponibile software finalizzato alla distribuzione illegale di opere protette da copyright; i trasgressori della norma rischiano fino a tre anni di detenzione o una sanzione di 300 mila euro.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.