Seatwave triplica il traffico, cresce ancora il 'secondary ticketing'

Seatwave triplica il traffico, cresce ancora il 'secondary ticketing'
A dispetto della recessione economica (o forse anche per quello) il mercato della rivendita on-line dei biglietti dei concerti continua a essere fiorente. Seatwave, leader inglese del settore, riporta un incremento delle transazioni pari al 104 % tra il primo e il terzo trimestre 2008, con una percentuale ancora superiore, 117 % per quanto riguarda i concerti rispetto alle altre manifestazioni trattate sul sito (spettacoli teatrali e sportivi).
L’aumento dell’offerta ha anche prodotto una riduzione sensibile dei prezzi, secondo il fondatore e amministratore delegato di Seatwave Joe Cohen che riporta l’esempio del tour dei Take That programmato per il 2009: il prezzo medio di rivendita per quei concerti è sceso da 103 a 72 sterline, registrando una flessione del 30 %. “Il numero di persone che comprano e vendono biglietti tramite Seatwave è quasi triplicato”, ha osservato Cohen, “segno che il secondary ticketing fa fronte a un’esigenza sentita dal consumatore”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.