50 anni per la Island, Londra l'anno prossimo la celebra con un festival

50 anni per la Island, Londra l'anno prossimo la celebra con un festival
La Island di Chris Blackwell, che compie cinquant’anni nel maggio del 2009, è stata la casa discografica indipendente più importante degli anni ’60, ’70 e ‘80, la sua mitica etichetta rosa (poi sostituita dal disegno di un’isola con tanto di palma) un marchio che gli appassionati di pop rock hanno sempre considerato una garanzia di qualità. Per la “indie” inglese hanno inciso Bob Marley e gli U2, i due pezzi forti del catalogo in termini di vendite, ma anche i Traffic e Cat Stevens, Nick Drake e i Fairport Convention, i King Crimson ed Emerson, Lake & Palmer, Marianne Faithfull e i Roxy Music, Tom Waits e Richard and Linda Thompson. Blackwell, londinese cresciuto in Giamaica, la fondò a Kingston nel 1959 come veicolo per promuovere nel mondo la musica ska e rocksteady (primo successo, “My boy, lollipop” di Millie Small) ma una volta tornato a Londra, nei primi anni ’60, la trasformò gradualmente in un avamposto della nuova musica “progressiva” britannica (primo gruppo bianco sotto contratto, lo Spencer Davis Group di Steve Winwood). Nei due decenni successivi continuò a mietere successi artistici e commerciali, preoccupandosi, come spiega oggi, “di fare dischi che potessero resistere alla prova del tempo”. Così fino al 1989, quando decise di vendere la società alla PolyGram, poi assorbita dal gruppo Universal Music che su Island ha pubblicato dischi di Amy Winehouse e P.J. Harvey, Portishead e Paul Weller, Fratellis e The Feeling.
Blackwell, che oggi ha 71 anni, farà gli onori di casa all’Island festival che l’anno prossimo, allo Shepherds Bush Empire di Londra, celebrerà l’anniversario con musica dal vivo, proiezioni cinematografiche, mostre fotografiche e di memorabilia dedicate agli artisti presenti e passati dell’etichetta. All’evento farà seguito una vasta operazione di riscoperta del catalogo con ristampe di album classici, nuove compilation e cofanetti antologici distribuiti sul mercato in formato fisico e digitale.

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.