La nuova BMG: da gennaio diventa una società di gestione di diritti musicali

Liberatasi delle edizioni musicali e della casa discografica, cedute rispettivamente a Universal e a Sony (vedi News), la società tedesca Bertelsmann non esce dal giro musicale ma riorienta semplicemente le sue priorità: dal publishing “classico” e dalla discografia tradizionale alla gestione dei diritti attraverso una società, BMG Rights Management, che inizierà ad operare dai primi giorni del 2009 con una trentina di addettti nel mondo e uffici dislocati a Berlino (dove avrà sede il quartier generale), Amsterdam, Parigi, Londra, Madrid e Milano (quest’ultimo, stando ai “rumours”, sarà diretto da Tino Cennamo, già presidente delle edizioni BMG Ricordi).
Non si tratterà insomma, di una società discografica o editoriale tradizionale, ma di una struttura più snella la cui nuova missione aziendale consisterà nel fornire servizi “su misura” ad autori e artisti che desiderano una consulenza sul piano creativo e un appoggio sotto il profilo amministrativo-finanziario relativamente ad aspetti come il marketing e la concessione delle licenze d’uso, la contabilità e la raccolta dei diritti. BMG non partirà dal nulla, dal momento che gli accordi con Sony le hanno permesso di conservare la proprietà dei master fonografici su dischi di catalogo di oltre 200 artisti europei : tra questi figurano gli italiani Paolo Conte (relativamente al primo repertorio su etichetta RCA) e Ivano Fossati, i francesi Yves Montand, Gilbert Becaud e Sylvie Vartan, i tedeschi Scorpions e Nena, l’inglese Sally Oldfield, l’olandese Candy Dulfer e gli spagnoli Mecano; alla stessa Sony sarà affidata la distribuzione dei dischi nei negozi.
“Si tratta di concentrarsi sull’area dell’industria musicale che ancora mostra prospettive di crescita”, spiega l’amministratore delegato della nuova società, Hartwig Masuch, che in precedenza ricopriva il ruolo di managing director di BMG Music Publishing in Germania. “Oggi”, aggiunge, “la musica è utilizzata e sfruttata in maniera più intensiva e più completa che mai e al di là della tradizionale distribuzione di musica registrata, su un numero crescente di piattaforme mobili e on-line, nella produzione di film, programmi tv e spot pubblicitari, nelle trasmissioni radiotelevisive, nei concerti e nei videogiochi” (BMG conta evidentemente di sfruttare le opportunità di sinergie con altre società del gruppo Bertelsmann, come l’emittente radiotelevisiva RTL). “E’ in questi settori”, conclude Masuch, “che andremo a posizionarci, con servizi flessibili ed ad hoc e un sistema di contabilità trasparente”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.