Truffe all'Imaie, 40 persone nel registro degli indagati

Truffe all'Imaie, 40 persone nel registro degli indagati
La “mutua” italiana degli artisti interpreti ed esecutori (circa 3 mila iscritti) è al centro di un’inchiesta giudiziaria che coinvolgerebbe già una quarantina di persone (anche nomi noti nell’ambiente) con l’accusa di falso e truffa aggravata.
La vicenda, di cui riporta oggi (venerdì 5 settembre) il quotidiano Il Messaggero, riguarda la redistribuzione dei 24 milioni di euro che l’Imaie ha incassato nel 2007 da radio, televisioni e altri utilizzatori del repertorio tutelato dall’istituto. Lo statuto dell’ente prevede che parte di tali somme venga impiegata per finanziare, sovvenzionare e promuovere, in Italia e all’estero, opere degli artisti iscritti; per le richieste di finanziamento inferiori ai 10 mila euro l’erogazione avverrebbe in modo automatico, senza che sia necessario passare le domande al vaglio della apposita commissione. Di qui le irregolarità denunciate dalla stessa Imaie e appurate dal nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza (si parla anche di bollini Siae contraffatti e di cd fittizi confezionati al fine di ottenere i fondi), che in alcuni casi riguarderebbero società collegate a persone che hanno un ruolo istituzionale nell’ente. La magistratura ha conseguentemente congelato l'erogazione di 174 progetti di finanziamento, 163 dei quali riguardano opere musicali (l'Imaie rappresenta anche gli artisti dell'industria cinematografica e audiovisiva).
Nello stesso articolo il Messaggero riferisce anche di forti contrasti sorti all’interno del cda in merito alla gestione del patrimonio dell’ente, 130 milioni di euro.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.