'Control' - La genesi del film, pt. 8

'Control' - La genesi del film, pt. 8
Rockol pubblica a puntate la genesi di “Control”, il film dededicato alla vita di Ian Curtis dei Joy Division girato da Anton Corbijn (vedi news).
Ecco l'ottava puntata, le altre sono reperibili qui

Il coinvolgimento di Corbijn ha sigillato definitivamente l’approvazione dei componenti ancora in vita dei Joy Division i quali, sebbene avessero dato subito il loro consenso al film, fino a quel punto erano stati piuttosto passivi al riguardo. “La presenza di Anton li ha rassicurati sulla qualità e sulla veridicità del film,” osserva Williams. “Prima di allora, forse avevano pensato ‘questo folle americano è venuto fin qui e pensa di poter fare un film su una band di Manchester. Non ci riuscirà mai!’”
Per ironia della sorte, nonostante il desiderio della produzione di rendere il film il più autentico e reale possibile, non è stato possibile girare in alcune delle aree scelte nella zona di Manchester. “Volevamo girare a Manchester per essere il più vicini possibile alla realtà dei fatti, ma dal punto di vista visivo la città è cambiata moltissimo,” osserva Williams. “Se guardi Manchester attraverso l’obiettivo, ti trovi davanti una città moderna, diversa da come era allora.”
Il paesaggio della città conosciuta da Ian Curtis è cambiato radicalmente e i cambiamenti sono stati accelerati in parte dalla ricostruzione resasi necessaria dopo l’attentato dell’IRA del giugno del 1996 e dai progetti per rivitalizzare l’area per i Giochi del Commonwealth del 2002. Una soluzione apparentemente improbabile è stata trovata quando il produttore Peter Heslop ha scovato una location alternativa a East Midlands, con la città di Nottingham che risponde perfettamente ai canoni estetici della Manchester degli anni 1970, o almeno molto di più di quanto non faccia la vera Manchester.
“Quando abbiamo visto il campus dell’Università di Nottingham abbiamo capito di aver trovato il posto giusto,” commenta Williams. “C’erano un paio di vecchi studi televisivi con due teatri di posa. Era come se ci stessero aspettando e siamo riusciti anche ad istallare l’ufficio di produzione lì dentro. E’ stato perfetto!”
Per quanto riguarda alcuni dei siti chiave del film, come per esempio la casa di Macclesfield dove vivevano Ian e Deborah Curtis, la produzione ha utilizzato i luoghi veri così come è per altre sequenze girate all’aperto a Manchester.

Domani, sempre nelle news di Rockol una nuova puntata della genesi del film.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.