Live Nation, ripensamenti sulle politiche artistiche?

Situazione fluida, in casa Live Nation, dopo l’uscita di scena del promoter Michael Cohl (vedi News) che qualcuno immagina già intento a progettare un’agenzia live concorrente con i vecchi amici Rolling Stones come principali clienti. Sul New York Post, Brian Garrity e Peter Lauria scrivono che il ceo Michael Rapino starebbe architettando una clamorosa mezza marcia indietro: affidare, cioè, in licenza a una major, una diversa per artista, i dischi di Madonna, Jay-Z, Shakira e Nickelback di cui si è guadagnato, a carissimo prezzo, l’esclusiva. Il boss di Live Nation, sostiene qualche suo stretto collaboratore, preferirebbe dare tutto in outsourcing, piuttosto che sovraccaricarsi di costi fissi e di infrastrutture dedicate come avrebbe voluto Cohl.
Resta da vedere se gli convenga farlo: un contratto di licenza e di distribuzione con una major gli permetterebbe di intascare il 25-35 %, non di più, dei proventi generati dalla vendita dei dischi, e su quelle somme dovrebbe pagare alle sue superstar royalty percentuali di poco inferiori. A quel punto, secondo altri osservatori, Rapino potrebbe anche pensare di puntare ad accordi diretti con i principali rivenditori di dischi americani, Wal-Mart o Target, come ha fatto il manager Irving Azoff in occasione dell’uscita dell’ultimo album degli Eagles (vedi News). In ogni caso, prima che uno degli artisti della sua scuderia pubblichi un nuovo album passerà almeno un anno e mezzo: l’ad di Live Nation ha tutto il tempo per pensare alla soluzione migliore da adottare.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.