Usa, si rifà vivo Gary Gersh (l'uomo che portò i Nirvana alla Geffen)

Usa, si rifà vivo Gary Gersh (l'uomo che portò i Nirvana alla Geffen)
Praticamente scomparso dal radar dopo il divorzio nel 1999 dalla Capitol (di cui era presidente), torna in superficie Gary Gersh, talent scout e direttore artistico che portò alla Geffen i Nirvana e i Sonic Youth. La sua nuova società, The Artist Organization, ha costituito una “partnership strategica a lungo termine” con la Razor & Tie, indie americana che ha sotto contratto artisti come Angelique Kidjo, Twisted Sister, Ryan Shaw, EndeverafteR, Zappa Plays Zappa e il veterano Neil Sedaka, con l’obiettivo di mettere sotto contratto nuovi artisti: i primi del lotto sono i Dead Confederate, conterranei dei R.E.M. (vengono anche loro da Athens, Georgia), il cui album di debutto “Wrecking ball” è annunciato per l’autunno. “La Razor & Tie”, ha dichiarato Gersh in un comunicato, “è una dimora naturale per la mia nuova etichetta”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.