Alan McGee: 'Tutte le case discografiche sono spazzatura'

In quando a giudizi tranchant, Alan McGee è secondo a pochi: dopo aver candidamente ammesso, lo scorso settembre, che "la discografia è fottuta" (vedi News), oggi il fondatore della Creation e primo mentore degli Oasis ha definito "spazzatura" le case discografiche.

"Consiglio sempre alla giovani band di stare alla larga da qualsiasi tipo di etichetta, perché penso che siano tutte della maledetta spazzatura", ha dichiarato il talent scout inglese nel corso di un'intervista radiofonica all'emittente XFM: "Consiglio sempre di organizzarsi in proprio. Le etichette vivono nel passato, sono completamente scollegate dalla realtà". McGee mise sotto contratto gli Oasis dopo averli visti suonare dal vivo nella propria città natale, Glasgow, nel 1993: la sua carrierà si intrecciò con il meglio del rock indipendente britannico anni '80 e '90, come ad esempio con i Jesus and Mary Chain, Primal Scream, My Bloody Valentine, Oasis e moltissimi altri. Dopo la scomparsa della Creation, nel 1999, McGee fondò la Poptones, che contribuì a lanciare gli Hives sul mercato inglese: la sua nuova creazione chiuse i battenti nel corso dello scorso anno (vedi News).

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.