Obama: 'Il rap non mi piace, ma combatte la segregazione razziale nella musica'

Obama: 'Il rap non mi piace, ma combatte la segregazione razziale nella musica'
Durante un'intervista a Rolling Stone, Barack Obama ha elencato gli artisti che suonano più spesso sul suo iPod: in cima alla lista trovano posto Mick Jagger e la sua band, Bob Dylan, Charlie Parker ed Elton John.
Interrogato sul perché non ci fossero artisti rap nella sua selezione, il candidato alla Casa Bianca ha così risposto: "La musica de ghetto ha sfondato le barriere, ma non permetto alle mie figlie di ascoltarlo. Non mi piace la misoginia e il materialismo delle parole, anche se devo ammettere che il genio di questa cultura ha contribuito a superare la segregazione razziale nella musica".
Sarà forse questo il motivo che ha spinto Obama a prendere parte al nuovo video del rapper Q-Tip, in prossima uscita. (Fonti: La Stampa, La Repubblica e Corriere della Sera)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.