Classifiche USA: l’album dei Coldplay esordisce con 700.000 copie

Classifiche USA: l’album dei Coldplay esordisce con 700.000 copie
“Viva la vida or death and all his friends”, il nuovo album dei Coldplay, esordisce al primo posto della classifica statunitense con un botto: dalle rivendite, tradizionali ed online, ne escono infatti ben 721.000 copie nella prima settimana. Le vendite digitali hanno influito significativamente, ammontando al 40% circa, cioè 288.000 unità, del venduto totale. “Viva la vida” si è comportato in modo quasi uguale al suo predecessore, “X&Y” del 2005, disco che aveva debuttato in chart con 737.000 pezzi smerciati. E’ da sottolineare che il nuovo lavoro di Chris Martin e soci ha fatto meglio di “Long road out of Eden”: il disco degli eroi nazionali Eagles era entrato in classifica con 711.000 copie. Sembrano settimane d’oro per la discografia a stelle e strisce, che con “Viva la vida” e “Tha Carter III” di Lil Wayne, disco che aveva sorpassato quota 1 milione di copie, tira un sospiro di sollievo. Almeno apparente: perché in realtà, nonostante questi due titoli ad alta tiratura, le vendite, rispetto alla stessa settimana del 2007, sono calate del 6.7% mentre le vendite totali, sempre rispetto a questo periodo dello scorso anno, sono andate giù del 10.9%.
”Tha Carter III” scende dal numero 1 al 2 vendendo altre 309.000 copie mentre debutta in terza posizione il soundtrack del film “Camp Rock”. Passa dal 3 al 4 la compilation “Now 28” ed arretra anche, dal 2 al 5, “Definition of real” del rapper Plies della Florida. Apparentemente mostruoso il salto in alto compiuto da “Good girl gone bad” di Rihanna: il disco della cantante delle Barbados vola dal numero 124 al 7 guadagnando il 930%. Ma la spiegazione è semplice: si tratta di una riedizione alla quale sono state aggiunte tre canzoni nuove. “Indestructible” dei Disturbed, ex numero uno, passa dal numero 4 all’8 mentre “Here I stand” di Usher va giù dal 5 al 6. La nuova Katy Perry, 23 anni, di Santa Barbara, debutta al 9 col suo primo album “One of the boys”. Chiudono la saracinesca dei primi dieci gli Offspring con “Rise and fall, rage and grace”. I Judas Priest con l’ambizioso concept-album “Nostradamus” mancano di poco l’aggancio al treno della Top 10 e finiscono undicesimi con 42.000 copie.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.