Pirateria in Russia: chiuso il caso AllofMP3, il nuovo bersaglio è MP3Sparks

Pirateria in Russia: chiuso il caso AllofMP3, il nuovo bersaglio è MP3Sparks
Il caso è (almeno apparentemente) risolto: la federazione internazionale dell’industria discografica RIAA ha chiuso la sua vertenza con AllofMP3, il celebre “negozio”di download musicale russo che praticava prezzi irrisori al pubblico evitando di pagare le case discografiche e gli artisti (vedi News). Il sito ha smesso di funzionare nel luglio del 2007 per intervento diretto del governo Putin, dopo che gli Stati Uniti avevano minacciato di ostacolare per ritorsione l’ingresso della Russia nella World Trade Organization (vedi News); il suo proprietario Denis Kvasov, però, è stato nel frattempo prosciolto dalle accuse di avere violato le leggi nazionali sul copyright: AllofMP3.com, infatti, ha dimostrato di avere un accordo di licenza con una società locale degli autori, dichiarandosi anche disposta a versare delle royalty alle case discografiche che ne avessero fatto richiesta.
Tutto risolto, dunque? Fino a un certo punto: anche se il vecchio negozio non è più attivo, in rete opera oggi un servizio analogo, MP3Sparks, da cui gli ex utenti di AllofMP3 possono rifornirsi utilizzando gli stessi codici di accesso e password (anche se, formalmente, tra le proprietà dei due siti non esiste alcun collegamento). Il responsabile degli affari internazionali della RIAA, Neil Turkewitz, non sembra eccessivamente preoccupato: “Siamo ben coscienti dell’esistenza di MP3Sparks”, ha dichiarato, “ma confidiamo che il governo russo farà anche in questo caso quel che deve essere fatto”. La nuova legge russa sul diritto d’autore, introdotta nel gennaio scorso, non consente più di fare appello a società di autori fittizie per assicurarsi licenze di vendite on-line di repertorio non autorizzato dai legittimi titolari.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.