FIMI, Mazza rieletto presidente

Al presidente in carica Enzo Mazza la maggiore associazione dei discografici italiani aveva già rinnovato pubblicamente fiducia ai tempi dell’ultimo Festival di Sanremo, avallandone la linea politica e di condotta anche in seguito alle polemiche che lo avevano contrapposto al direttore artistico della manifestazione Pippo Baudo (vedi News). Era atteso, dunque, il rinnovo del suo mandato deliberato ieri, giovedì 22 maggio, dall'assemblea di FIMI, che ha confermato in blocco il consiglio direttivo uscente eleggendo alla carica di vicepresidente Corrado Filpa di Universal Music. Accanto a lui e a Mazza, gli altri membri del board sono Massimo Giuliano di Warner Music, Rudy Zerbi di Sony BMG, Giuseppe Ciaraldi di EMI Music, Mario Allione di FMA (in rappresentanza della piccola e media industria) e l’ex presidente avv. Alberto Pojaghi.
Dall'archivio di Rockol - 1991, l'ultimo anno d'oro del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.