'Grand theft audio IV': dietro il suo successo un ex discografico

'Grand theft audio IV': dietro il suo successo un ex discografico
Dietro l’incredibile successo del discusso videogioco “Grand theft audio IV” – sei milioni di copie vendute in una sola settimana, pari a 500 milioni di dollari di incasso – c’è uno dei pochi ex discografici riciclatosi in imprenditore di successo: si tratta di Strauss Zelnick, cinquantenne ex amministratore delegato di BMG, che il giorno dopo aver lasciato la major (vedi News), il 1° gennaio del 2001, fondò ZelnickMedia, holding del settore entertainment che detiene una piccola quota proprietaria e un mandato di gestione sulla società produttrice del gioco stesso, Take-Two Interactive.
Take-Two è ora nelle mire dell’azienda leader del settore, Electronic Arts, la cui offerta da 26 dollari per azione è stata tuttavia giudicata troppo bassa da Zelnick, che nel frattempo ha spuntato anche un lucrativo contratto con la Universal Pictures per la realizzazione di un film basato su“BioShock”, videogame a sfondo fantasy-catastrofico. Il segreto del suo successo? “Siamo operatori che investono, piuttosto che semplici investitori”, ha spiegato Zelnick a Peter Lauria del New York Post, sottolineando che le sue cinque società generano annualmente un fatturato di 2,5 miliardi di dollari e un ritorno sugli investimenti ben al di sopra degli standard (dal 20 % al 30 %). Nell’intervista il manager americano aggiunge un gustoso aneddoto, riguardante il periodo in cui, negli anni ’90, lavorava in BMG. A quei tempi Zelnick contribuì al lancio della divisione “Interactive” dell’azienda, dedicata tra l’altro proprio alla produzione di videogiochi. L’allora ad della società, Thomas Middelhoff, la chiuse tuttavia prima che il primo titolo facesse in tempo a uscire sul mercato: si trattava proprio del primo volume della fortunatissima serie “Grand theft auto”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.