MAB: ‘Dopo l’esperienza con Battiato un disco per confermarci come gruppo’

MAB: ‘Dopo l’esperienza con Battiato un disco per confermarci come gruppo’
Le MAB sono quattro ragazze curiose e spiritose. Si fanno trovare in uno dei più eleganti bar di Milano, pronte per farsi intervistare. Ne hanno da raccontare: arrivano da un paese in provincia di Cagliari, si sono trasferite a Londra da diversi anni e hanno avuto la fortuna di aver incuriosito Franco Battiato che le ha volute nel suo disco e in tournée con lui.
“Il gruppo in origine è nato molti anni fa”, spiegano Lisa Dply, Psycho Jeremy, Jessica Dionis e Marina Cristofalo, “Eravamo già amiche da tempo e avevamo già un nome ispirato ad un brano dei Queen. Nel 1996, verso la fine dell'anno, si è quasi definita la formazione del gruppo e abbiamo cominciato a scrivere brani e registrare demo. Nel '97 è nato il primo Ep di tredici brani, praticamente un disco. Come genere musicale abbiamo iniziato a fare grunge ma ascoltando musica molto diversa ci siamo lasciate influenzare e abbiamo ampliato le nostre conoscenze tra il prog, il blues e il rock finché non ci siamo identificate in un genere specifico. Ci siamo poi trasferite a Londra nel 2001 per cercare di suonare un po' di più perché dopo diversi anni che facevamo concerti in lungo e in largo per la Sardegna avevamo bisogno di nuovi stimoli”.
Qualche anno fa l’incontro con Battiato e la svolta della loro carriera: “Franco Battiato l'abbiamo conosciuto perché nel 2006 abbiamo partecipato ad un album tributo a Giuni Russo: è stato amore a prima vista. Principalmente è rimasto affascinato e incuriosito dal nostro look, e ci ha chiesto di fare una piccola partecipazione e una registrazione del brano che è poi andato a fare parte della colonna sonora del suo ultimo film 'Niente è come sembra'. Poi ci ha chiesto se ci interessava ascoltare il suo disco che era in produzione e ci ha coinvolte facendoci partecipare alla registrazione di alcuni brani tra cui 'Il vuoto', 'Era l’inizio della primavera’ e 'The game is over'. Franco è davvero una persona squisita”, aggiungono, “E’ stato molto carino da parte sua chiederci di seguirlo anche il tour. La cosa interessante è che ci ha spinto verso un mondo che per noi era molto lontano, e inoltre ci ha dato la possibilità di far scoprire la nostra musica durante i suoi concerti. E' sempre molto entusiasta delle nostre composizioni e della nostra voglia di fare”.
Le MAB hanno pubblicato nel novembre del 2007 il loro primo disco intitolato “Decay”, autoprodotto e distribuito dalla Universal: “Ci siamo sempre autoprodotte e autogestite. Per il genere di musica che facciamo, essendo donne e per di più all'estero, è stata una sfida ancora maggiore e una fatica enorme riuscire a raggiungere quello che stiamo cercando di fare. Avevamo molti brani in cantiere”, spiegano, “anche scritti molto tempo fa. Chiaramente quello che abbiamo inserito nel disco è il frutto degli ultimi anni e abbiamo scelto le canzone nate per ultime. E' il culmine di anni di lavoro intensi e molto difficili: quando fatichi tanto ma riesci a produrre una cosa che ti interessa, non ci puoi rinunciare anche se è molto difficile".
“Abbiamo venduto a dir tanto trecentosessanta copie in tre mesi di un disco che è stato pubblicizzato pochissimo”, tengono a precisare, “Ci hanno dato un minimo di fiducia perché abbiamo fatto il tour con Battiato, ma non siamo mai state seguite molto dalla casa discografica. Fatichiamo per farci conoscere, fatichiamo a trovare concerti, e farci fare delle interviste. Fortunatamente dovremmo riuscire a farci produrre in Inghilterra da una piccola etichetta indipendente: sarà un traguardo ancor più soddisfacente visto che all'estero siamo conosciute per come ci mostriamo e basta, senza nessun biglietto di visita che possa facilitarci le cose".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.