Un anno dopo: Starbucks ridimensiona le sue ambizioni musicali

Con l’uscita di scena di Ken Lombard, presidente della divisione entertainment rimpiazzato dal responsabile del settore tecnologico Chris Bruzzo, la catena di coffee bar americani ripone praticamente nel cassetto il sogno di imporsi come casa discografica alternativa alle major. La sua etichetta, Hear Music, continuerà ad esistere e a pubblicare dischi, affidata però in toto a Concord Music, il partner discografico con cui Starbucks è associato dai tempi del gran successo mondiale di “Genius loves company” di Ray Charles (vedi News).
Immaginabile, a questo punto, una forte riduzione degli investimenti nel music business e l’abbandono delle strategie aggressive che nel corso dell’ultimo anno avevano portato Starbucks a pubblicare dischi di superstar come Paul McCartney (“Memory almost full”), Joni Mitchell (Shine”), James Taylor e Carly Simon, in rotta di collisione con le grandi case discografiche tradizionale. La congiuntura, che i portavoce di Starbucks descrivono come “la peggiore nella storia della società”, impone ora all’azienda di Seattle di badare ai costi e di concentrarsi nel recupero del suo “core business”: caffè, bevande e prodotti alimentari, a cui cd, libri e dvd riprenderanno probabilmente a fare da corollario.
Music Biz Cafe, parla Andrea Micciché (NUOVOIMAIE)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.