Antipirateria, ora la Finanza sequestra soprattutto pc e file musicali

Antipirateria, ora la Finanza sequestra soprattutto pc e file musicali
Si intensifica la guerra di Guardia di Finanza e FPM, Federazione contro la pirateria musicale, a chi diffonde illegalmente (e a volte, va detto, in buona fede) musica registrata in luoghi pubblici ed esercizi commerciali: nei primi mesi del 2008 sono già più di 50 mila i file musicali sequestrati presso disco-pub, discoteche e stand promozionali perché riprodotti in pubblico evadendo il pagamento dei diritti dovuti ad artisti ed etichette discografiche, distinti da quelli d’autore tutelati dalla SIAE e sanciti anche da una sentenza della Cassazione del luglio 2007. Le azioni condotte in Valle d’Aosta, a Firenze e in provincia di Bergamo hanno portato alla denuncia di 11 persone nonché al sequestro di alcune migliaia di cd; per lo stesso motivo la GdF ha denunciato negli ultimi mesi anche i responsabili di alcune emittenti radiofoniche locali. “L’uso di contenuti musicali in un contesto commerciale”, dice il segretario generale di FPM Luca Vespignani, “non può prescindere da un'autorizzazione dei titolari dei diritti, visto che lo stesso esercizio, fornendo ai propri clienti della buona musica, ritiene che ciò serva ad incrementare il proprio business”. La legge italiana sul diritto d’autore, all’art. 171 ter, prevede per i trasgressori una pena da 6 mesi a 3 anni e una multa fino a 15 mila euro, più sanzioni amministrative accessorie in misura di 103 euro per ogni fonogramma abusivamente diffuso o riprodotto .
“E’ in atto un deciso cambio di strategia di FPM”, spiega il presidente Enzo Mazza, “che sarà sempre più orientata anche ai nuovi business on-line (i video rimossi da YouTube e MySpace sono già migliaia) e al merchandising contraffatto venduto ai concerti”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.